MotoGP: riscatto di Vinales a Misano, Dovi resta leader

La MotoGP scende di nuovo in pista a Misano Adriatico per il GP dell’Emilia Romagna e Maverick Vinales si rilancia alla grande: vittoria e secondo posto in classifica generale di Campionato con un solo punto di ritardo su Andrea Dovizioso, autore di una gara sofferta e, alla fine, solamente ottavo. Un weekend sottotono per i colori italiani con il ritiro di Valentino Rossi rientrato ai box dopo una scivolata e Francesco Bagnaia anche lui tradito dalla gomma della Ducati Pramac mentre era ad un tiro di schioppo dalla vittoria.

MotoGP-2020-Misano-Start
La partenza dell’ultima gara di MotoGP in programma al Misano World Circuit con al comando Francesco Bagnaia poi caduto a 6 giri dal termine (Foto Claudia Cavalleri-Credit MotoGP.com)

Il confronto MotoGP di Misano Adriatico è reso particolarmente infido dalla pioggia che cade durante la gara della Moto2. Alla fine con Vinales, additato come un pilota che non riesce a tradurre in risultati di gara quanto invece esprime in qualifica, si impone il pilota che sbaglia di meno, rilanciando anche le ambizioni della Yamaha. Podio tutto spagnolo con Joan Mir secondo con la Suzuki di Ecstar e ora a soli quattro punti dalla vetta di campionato.

MotoGP-2020-Misano-Quartararo
La penalità inflitta a Fabio Quartararo lo fanno slittare al quarto posto e ad solo punto dal leader di Campionato (Foto Claudia Cavalleri-Credit MotoGP.com)

A seguire Pol Espargaro che riporta in alto la KTM con il terzo posto, sia pure a tavolino per i tre secondi di penalità inflitti al portacolori di Petronas SRT Fabio Quartararo retrocesso ai piedi del podio con la sua Yamaha. Quinto Miguel Oliveira con la KTM di Tech3, davvero molto positivo al pari di Takaaki Nakagami che ormai è il Top Rider della Lucio Cecchinello Racing. Il nipponico è settimo in classifica di campionato, a soli diciannove punti da Dovizioso: mai dire mai.

MotoGP-2020-Misano-Oliveira
Miguel Oliveira con la KTM di Tech3 è quinto al traguardo (Foto Claudia Cavalleri-Credit MotoGP.com)

La seconda gara di Misano rilancia anche Alex Marquez, settimo con la Honda ufficiale ed al migliore piazzamento stagionale. Un po’ per volta il campione uscente della Moto2 inizia ad incamerare esperienza, precedendo un Dovizioso mai così in difficoltà. Per quanto riguarda il romagnolo della Ducati, suona un allarmante campanello d’allarme in vista delle gare di Montmelo e Le Mans, da sempre per lui terreno ostico.

MotoGP-2020-Misano-Nakagami
Takaaki Nakagami, con il sesto posto, è il migliore pilota Honda con la moto della Lucio Cecchinello Racing (Foto Claudia Cavalleri-Credit MotoGP.com)

Poca gloria anche per Franco Morbidelli che intasca il nono posto davanti alla Ducati ufficiale di Danilo Petrucci, che pensa solo ad arrivare in fondo e raccogliere qualche punticino per tenere alto il morale. A ridosso della Top Ten Johann Zarco che dopo l’exploit in Repubblica Ceca sembra di nuovo tornato nelle retrovie con la Ducati di Reale Avintia Esponsorama. Peggio va al compagno di team Tito Rabat, caduto di nuovo al pari di Iker Lecuona e Brad Binder con le KTM.

MotoGP-2020-Misano-Dovizioso
Andrea Dovizioso è autore di una gara sofferta e, alla fine, solamente ottavo ma quanto basta per mantenere la leadership di Campionato (Foto Claudia Cavalleri-Credit MotoGP.com)

Mezzo disastro per Alex Rins che sull’infido fondo riminese è dodicesimo e penultimo, precedendo il solo Bradley Smith che con la seconda Aprilia di Gresini riesce perlomeno a raggranellare tre punticini “sopperendo” al rientro ai box di Aleix Espargaro nelle primissime fasi di gara. La marcia della MotoGP prosegue serrata, ed ora si torna in Spagna con il GP di Catalogna a Montmelo, confermato rigorosamente a porte chiuse.

MotoGP-2020-Misano-Smith
Bradley Smith con l’unica Aprilia rimasta in gara chiude la classifica di gara e raggranella tre punticini (Foto Claudia Cavalleri-Credit MotoGP.com)

A tal proposito, da sottolineare che in tutti e due i weekend di gara in Riviera si è registrato il “tutto esaurito”, toccando regolarmente il tetto massimo di diecimila spettatori concesso dalle autorità senza che si verificassero situazioni critiche. Un successo organizzativo che ha spinto le autorità dell’Emilia Romagna a concedere un minimo di pubblico anche per il GP di Formula Uno di Imola il 1 Novembre prossimo.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui