CIVM, Merli innalza anche il Trofeo Luigi Fagioli

Sempre affascinante ma decisamente sottotono la 55.a Edizione del Trofeo Luigi Fagioli, seconda prova di questo travagliato CIVM. Le restrizioni causate dal Covid19 impediscono l’accesso del pubblico sul percorso che da Gubbio conduce al valico di Madonna della Cima, rendendo l’atmosfera di questa gara, da sempre frequentatissima, a dir poco irreale. Comunque, lo sforzo degli organizzatori eugubini per portare comunque in fondo la gara è assolutamente lodevole, al punto da meritare l’encomio del Ministro della Salute Roberto Speranza.

CIVM-2020-Trofeo-Luigi-Fagioli-Maroni
Giancarlo Maroni con la Osella Pa21 JRB vince la E2SC 1600 ed è decimo assoluto

Alla fine, nell’eterno duello tra Christian Merli e Simone Faggioli la spunta di nuovo il trentino. La Osella FA 30 Zytek LRM E2SS 3000 di Merli, vincitore all’ Alpe del Nevegal, infligge un distacco complessivo di sessanta centesimi alla Norma M20 FC E2SC 3000 del fiorentino. Per il terzo gradino del podio si “azzuffano” tre Osella FA 30 E2SS 3000: la spunta un po’ a sorpresa Domenico Cubeda ai danni del corregionale Francesco Conticelli e del trentino Diego De Gasperi.

CIVM-2020-Trofeo-Luigi-Fagioli-Cecchini
Buona la prestazione nella classe Oltre 3000 di Gianluca Cecchini schierato con la Ferrari F550 Maranello della EnRo Competition

Si distingue sui tornanti umbri anche Luca Caruso, sesto con la Osella Pa2000 E2SC 2000 davanti alla Lola F.3000 E2SS 3000 di Sergio Farris, migliore monoposto in gara. Franco Caruso inanella l’ottavo posto assoluto con la Nova Proto MP01-2 E2SC 3000, davanti alla piccola ma estremamente competitiva Osella Pa21 JRB di Achille Lombardi, ancora capace di infliggere pesanti distacchi a vetture sulla carta ben più potenti. A Gubbio tuttavia si registrano gli exploit di altre due “piccole” sport: la Osella Pa21 JRB di Giancarlo Maroni che vince la E2SC 1600 ed è decimo assoluto, e la Osella Pa21 JRB Suzuki RG Car E2SC 1000 di Samuele Cassibba.

CIVM-2020-Trofeo-Luigi-Fagioli-Calderone
Marco Calderone

Il figlio d’arte siciliano lamenta un ritardo di soli tre secondi e diciotto centesimi nei confronti di Lombardi. Nel Gruppo CN ennesimo dominio delle Osella CN 2000 con Rosario Iaquinta che piega il locale Gianni Urbani e Stefano Crespi; tra le GT rientro vincente per Lucio Peruggini che con la Lamborghini Huracan ha la meglio sulle Ferrari 488 Challenge di Maurizio Pitorri e Roberto Ragazzi. Pitorri si consola con la vittoria nella classe GT Super Cup, che vede Rosario Parrino terzo su una Lamborghini Huracan. In E1 Italia, Giuseppe Aragona fa il vuoto con la Mini Cooper JCW E1 1600 Turbo davanti alla Peugeot 308 Cup E1 3000 di Angelo Palazzo e alla Ford Escort E1 Oltre 3000 di Carmine Tancredi.

CIVM-2020-Trofeo-Luigi-Fagioli-Franzoni
In Produzione Evo incursione vincente per il bresciano Gianantonio Franzoni con la Citroen Saxo Vts 1600

Angelo Guzzetta con la Peugeot 106 E1 1600 è quarto di gruppo e riesce a precedere l’Alfa Romeo 155 GTA E1 Oltre 3000 di Roberto Di Giuseppe, insidiato anche dalla Honda Civic V-Tec E1 1600 di Maurizio Contardi. Problemi per Marco Iacoangeli con la Bmw 320i E1 3000 in seconda manche: finisce ultimo di gruppo, alle spalle della Bmw M3 E30 E1 3000 dell’immortale Giuseppe Zarpellon, amico-rivale della storica famiglia romana. Nella E1 2000 vince Paolo Parlato su Honda Civic Type-R davanti alla Renault Megane Maxi di Simone Marotta.

CIVM-2020-Trofeo-Luigi-Fagioli-Gramenzi
Marco Gramenzi

In E1 1400 Bruno Grifoni è corsaro con la Peugeot 106 davanti a Mattia Fasciano. In E2 Silhouette trionfa la Furore MG 3000 di Marco Gramenzi sull’Audi TT Proto Oltre 3000 del marchigiano Abramo Antonicelli e sulla Ferrari 550 Maranello Oltre 3000 del veterano Marco Verzelli, con un passato in Ferrari Challenge; seguono la Lotus Exige di Giuseppe Agnello primo di classe 2000 e la Ferrari 550 Oltre 3000 di Gianluca Cecchini, schierato dalla EnRo anche nel Trofeo Italia Storico.

CIVM-2020-Trofeo-Luigi-Fagioli-Merli-Nicola
Nicola Merli

Nel Gruppo A, ancora vittoria per la Mitsubishi Lancer Oltre 3000 di Rudi Bicciato; anche quest’anno Tobia Zarpellon con la Bmw M3 E36 chiude alle sue spalle ed ora si accinge a partire per Imola per contendere a Gustavo Sandrucci il primato in Mini Challenge. Terzo e primo in A1600 Marco Calderone davanti alla Renault New Clio A2000 di Ivano Cenedese. Diego Renzi è primo in A1150 con la Fiat Seicento. In Gruppo N ancora lotta tra le Mitsubishi Lancer Oltre 3000 di Antonino Migliuolo e Lorenzo Mercati che terminano nell’ordine divisi da sei secondi.

CIVM-2020-Trofeo-Luigi-Fagioli-Guzzetta
Angelo Guzzetta

In N1600 vittoria per Vincenzo Ottaviani che capitalizza i problemi di Rocco Errichetti, solo terzo di classe con la Peugeot 106 alle spalle anche della Citroen Saxo di Marco Belfiore. Poca fortuna anche per Fabrizio Vettorel, quarto di classe con la Peugeot 106, e per Gabriele Giardini che con la Citroen Saxo Vts disputa solo una manche per perduranti noie tecniche. In Racing Start Angelo Marino vince con la Mini Cooper RSTB 1.6 davanti a Lukas Bicciato che debutta su un’identica auto.

CIVM-2020-Trofeo-Luigi-Fagioli-Paletta
Marco Paletta

Tra le Mini Cooper S RSD 2.0 Antonio Scappa batte Giovanni Loffredo. Nella RS 1.4 trionfa la Peugeot 106 di Nicola Merli ai danni di Valentino Polegri e Roberto Zazzetta, anche se Angelo Martucci è ancora leader di campionato col quarto posto di classe. In Racing Start 1600 Cosimo Laghezza su Citroen Saxo Vts ha la meglio sulla Peugeot 106 di Natalio Ostuni e sulla Citroen Saxo di Alessandro Bondanza. Quarto Kristian Fiorucci su Peugeot 106 davanti alla Citroen Saxo di Gianmario Marrocolo; poca fortuna per Paolo Galli, settimo con una Citroen Saxo Vts, e per Walter Carciofo in arte “Waltercar” che si ferma in prima manche con la Peugeot 106 impiegata in Super Cup; il ternano riesce comunque a ripartire nella salita conclusiva e a concluderla.

CIVM-2020-Trofeo-Luigi-Fagioli-Di-Giuseppe
L’Alfa Romeo 155 GTA E1 Oltre 3000 di Roberto Di Giuseppe

In Racing Start Plus, dominio Peugeot 308 RSTB 1.6 Plus con Vito Tagliente che batte Oronzo Montanaro; terzo con la Honda Civic RS Plus 2.0 Antonio Cardone davanti alla Renault Clio di Gianluca Grossi e all’Alfa Romeo 147 di Paolo Biccheri che completano il podio di classe. In RS Plus 1400, Marco Paletta regola il bravo Simone Casagrande in un confronto tra Peugeot 106. Nella RS Cup, Alberto Cioffi si mette in evidenza con la Mini Cooper Turbo Cup davanti alle Renault New Clio 2000 di Giovanni Grasso e Walter Lilli, quest’ultimo reduce da un bel debutto nella nuova divisione RS Challenge nell’ambito del Trofeo Super Cup.

CIVM-2020-Trofeo-Luigi-Fagioli-Marotta
La Renault Megane Maxi di Simone Marotta

In Produzione Evo incursione vincente per il bresciano Gianantonio Franzoni con la Citroen Saxo Vts 1600, mentre in Produzione di Serie Marco Cappello impone la sua Honda Civic Type-R 2000 davanti alla Citroen Saxo 1600 di Raffaele Lo Schiavo. Nelle Bicilindriche, dominio delle Fiat 500 con Angelo Currenti che piega Pasquale Coppola. Tra le Dame, ancora vittoria di Deborah Broccolini con la Mini Cooper JCW davanti a Jessica Scarafone con la Citroen Ax E1 1150 Moto; onesto debutto sulla Peugeot 106 RS 1600 di Giulia Gallinella che è terza tra le Ladies davanti alla Peugeot 106 RS 1400 di Camilla Bisceglia.

CIVM-2020-Trofeo-Luigi-Fagioli-Dame
Il podio delle Ladies

Centosettantuno Auto Moderne completano questa irreale, e si spera irripetibile, edizione CIVM del Trofeo Luigi Fagioli; a queste si aggiungono venticinque Autostoriche con Roberto Turriziani, su Osella Pa9/90, che batte la Fiat 131 Abarth di Giacinto Giacchè e la Formula Fiat Abarth di Gina Colotto. Quarto con una “piccola” Peugeot 205 GTI Marco Ceteroni davanti alla Porsche 911 di Matteo Adragna e alla Nerus del ternano Angelo De Angelis.

CIVM-2020-Trofeo-Luigi-Fagioli-Renzi
Diego Renzi è primo in A1150 con la Fiat Seicento

Nelle retrovie si registrano alcuni interessanti piazzamenti: Ennio Bragagni Capaccini è settimo con una Giannini 700, Giampiero Olivieri dodicesimo con l’Alfa Romeo Alfasud Sprint davanti alla Fiat Giannini di Alessandro Pieroni, Alfredo Calì è diciottesimo con una Peugeot 205 Rally davanti all’Alfa Romeo Giulia di Eric Nicchi, Mirto Tonello è ventunesimo con l’Alpine Renault A110 ed il veterano Romoletto Di Giangregorio, pilota più anziano in gara, è venticinquesimo con l’Austin Healey S.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui