CIVM, Magliona sotto la pioggia alla Rieti-Terminillo

La pioggia guasta la festa per il ritorno nel CIVM della Coppa Carotti Rieti-Terminillo. Dopo prove asciutte il maltempo la fa da padrone nella notte tra sabato e domenica inzuppando il tracciato. Nel corso della mattinata il meteo migliora, ma nella parte alta del percorso si forma una nebbia fittissima. La Direzione Gara decide saggiamente di tagliare la parte finale del percorso riducendolo quindi di cinque chilometri rispetto alle qualifiche. Sul bagnato si impone la Osella Pa2000 E2SC 2000 di Omar Magliona che infligge quasi due secondi netti alla Osella Pa30 E2SC 3000 di Piero Nappi. L’asfalto umido non consente a Denny Zardo di scaricare a terra tutti i cavalli della Norma M20 FC Zytek E2SC 3000 ed il veneto deve accontentarsi del terzo posto.

Nel CIVM, il podio della Coppa Carotti Rieti-Terminillo vede brillare Omar Magliona, Piero Nappi e Denny Zardo

Sull’umido si esalta una delle ultime Formula 3000 ancora presenti in CIVM, la Lola B99/50 Zytek di Angelo Marino che termina ai piedi del podio e primo in E2SS 3000 davanti alla Osella Pa 30 E2SC 3000 di Giovanni Cassibba. Bene anche Emanuele Farris che con la Osella Pa2000 Evo E2SC 2000 è sesto assoluto davanti al giovane Luigi Fazzino con la Osella Pa21 JRB. Il siciliano migliora di gara in gara e non si fa cogliere in castagna dall’asfalto bagnato vincendo la E2SC 1600 con merito. Completano la Top Ten Giuseppe Vacca con la Osella Pa2000 E2SC 2000, Michele Fattorini che con la Osella Fa 30 Zytek E2SS 3000 sciupa gran parte delle sue possibilità di vittoria assoluta con un set-up non adeguato, ed Achille Lombardi che brilla con la Osella Pa21 JRB.

Emanuele Farris con la Osella Pa2000 Evo E2SC 2000 è sesto assoluto

Non male anche Ettore Bassi, il figlio dell’indimenticato Paolo e brillante attore è undicesimo con la Osella JRB e secondo in E2SC 1600. Gruppo CN vinto da Rosario Iaquinta specialista con la Osella Pa21 CN2000. Dopo i successi del figlio Simone in Supercars Series e Porsche Carrera Cup (l’ultima lo scorso weekend al Mugello), anche il padre tiene alto l’onore di famiglia. In E1 Italia blitz del locale Antonio Scappa con la Mini Cooper JCW E1 1600 Turbo davanti ai due primattori della E1 2000: Giuseppe D’Angelo e Daniele Pelorosso con le Renault Clio. Il passaggio alla Gaetani Racing fa bene a Silvano Stipani che con la Peugeot 106 è quarto di gruppo e primo in E1 1600 ai danni di Regis.

In Produzione Evo vittoria per la Subaru Impreza di Federico Leoni

Amedeo Pancotti è invece leader in E1 Oltre 3000 con la Bmw M5 pur partendo con le slick. Non molte le E2 Silhouette con il dominio delle Alfa Romeo 4C: primo Marco Gramenzi e secondo Alessandro Gabrielli, poi la Lotus Exige di Giuseppe Agnello. Sparuto il Gruppo GT vinto dall’idolo locale Maurizio Pitorri con la Ferrari 488 Challenge davanti alla identica auto di Roberto Ragazzi. Terzo Rosario Parrino su Lamborghini Huracan, poi quarta la Ferrari 458 di Stefano Artuso. In Gruppo A ennesima vittoria per la Mitsubishi Lancer di Rudi Bicciato ai danni di Massimo Tirabassi che con la Citroen Saxo Vts sbanca la A1600 ai danni delle Peugeot 106 di Fabio Titi ed Emanuele Finestauri.

Amedeo Pancotti è leader in E1 Oltre 3000 con la Bmw M5

Poca roba anche in Gruppo N con il ritiro dopo le prove della Peugeot 106 N1600 di Roberto Spacco che lascia classe e gruppo in mano alla Peugeot 106 di Rocco Errichetti. Sconfitto Giovanni Lisi vincente in N2000 con la Honda Civic Type-R. Terzo Francesco Pazzi con la Peugeot 106 N1600, poi le Saxo di Gabriele Giardini e Vincenzo Ottaviani. Mini Cooper S JCW dominanti in Racing Start e Racing Start Plus. Nel primo gruppo vince Giovanni Angelini su Giovanni Loffredo e Oronzo Montanaro, tra le Plus trionfa Vito Tagliente su Giacomo Liuzzi e Luigi Gallo, quest’ultimo proveniente dalla Super Cup e da una bella doppietta in Classe Turismo 3 al Mugello. In Produzione Evo vittoria per la Subaru Impreza di Federico Leoni davanti alla Renault Clio Williams di Daniele Amato ed alla Citroen Saxo Vts di Giuseppe Lorè.

Giovanni Angelini con la Mini Cooper S JCW vince in Racing Start

Mentre in Produzione S solo due partenti e tutto facile per la Citroen Saxo Vts di Raffaele Lo Schiavo davanti alla Peugeot 205 Rally del locale Thomas Rossi, parente di Luca Rossi giunto tredicesimo in Gruppo E1 con la Peugeot 205 Rally. Nonostante l’asfalto bagnato, la corsa non registra la minima interruzione. Tutti e 110 i Moderni partiti completano regolarmente la gara. Si registra solo la defezione di una quindicina di concorrenti per mancanza di gomme rain o per problemi tecnici palesati in qualifica. Poche le Storiche al via a causa della concomitanza con la Bologna-Raticosa valida per il CIVSA. Partono in sei e si classificano in cinque dopo il ritiro di Fabrizio Lunari con la Lancia Fulvia HS.

Marco Gramenzi con l’Alfa Romeo 4C si aggiudica la E2 Silhouette

Vince Adolfo Bottura con la Osella Pa9/90 davanti alla Symbol Sport di Dino Valzano ed alla Volkswagen Golf GTI di Massimo Campogiani che, pur di correre in casa, perde punti preziosi in ottica campionato. Tra i non partiti delle Storiche purtroppo le Giannini Bicilindriche di Antonio Lavecchia, Lorenzo Lauria e Tommaso Riccioni, l’Austin Healey MkIII del non più giovanissimo ternano Romoletto Di Giangregorio -non partito anche il compagno di squadra Gianluigi Carelli con l’Alfa Romeo 33 MkII E1 Italia- e Loredana Ramacogi, consorte di Luca Rossi e come lui al volante di una Peugeot 205 Rally.

Gruppo GT vinto dall’idolo locale Maurizio Pitorri con la Ferrari 488 Challenge

Loredana detiene due Peugeot 205 Rally di cui una appartenuta a Bruno Grifoni, entrato in questo weekend nella storia della Carotti siglando l’ennesima vittoria di classe: Bruno è primo in E1 1400 con la propria Peugeot 106 davanti a Francesco Cervelli e Cristiano Romoli. Complimenti ad uno dei più illustri veterani del Campionato Italiano Velocità Montagna!

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui