CIR: Rally Il Ciocco per Neuville ma svetta Albertini

Il CIR 2021 scatta come da tradizione in Garfagnana nella cornice del Rally Il Ciocco e Valle del Serchio. La corsa toscana torna alla tradizionale collocazione di fine inverno dopo il riposizionamento estivo dello scorso anno a causa dell’emergenza sanitaria. Le restrizioni anti-coronavirus condizionano anche l’edizione di questa stagione precludendo l’accesso del pubblico nelle dieci prove speciali in programma. Lo spettacolo comunque non manca, grazie anche alla presenza di due “big” d’eccezione: Neuville e Breen, ufficiali Hyundai nel WRC e qui in campo con le i20 R5. Alla fine Thierry Neuville e Nicolas Gilsoul impongono la loro classe e conquistano la vittoria, ma per quanto riguarda il punteggio del Campionato Italiano Rally il migliore è Stefano Albertini che con Danilo Fappani è secondo su una delle numerosissime Skoda Fabia Rally2 Evo.

Per quanto riguarda il punteggio del Campionato Italiano Rally i migliori sono Stefano Albertini e Danilo Fappani su Skoda Fabia Rally2 Evo

Albertini è il migliore anche per il CIR Asfalto. Le Skoda Fabia monopolizzano il podio CIR, visto che Giandomenico Basso e Lorenzo Granai concludono terzi assoluti e secondi per la classifica CIR superando proprio all’ultima speciale la Skoda Fabia R5 di Fabio Andolfi e Stefano Savoia. Per Andolfi la gara lucchese segna il ritorno in Italia dopo le esperienze in WRC 2 e JWRC. Quinto posto assoluto e quarto per l’Italiano per Rudy Michelini con la migliore Volkswagen Polo GTI R5, nonostante una pericolosa spigolata con il posteriore sinistro sul secondo passaggio di Massasassorosso, fatale anche a Craig Breen finito rovinosamente a ruote all’aria. Alle spalle di Michelini, troviamo il veloce Tommaso Ciuffi che subito “vola” con la Skoda Fabia Rally2 Evo, al pari del locale Thomas Paperini che è “trasparente” per il CIR.

Giandomenico Basso e Lorenzo Granai concludono terzi assoluti e secondi per la classifica CIR

Non raccoglie quanto vorrebbe Marco Signor con la Polo GTI R5, ottavo assoluto, mentre Paolo Andreucci e Andrea Crugnola deludono le attese della vigilia. Andreucci, al debutto sulla Skoda Fabia Rally2 Evo con le gomme MRF Tyres, dopo una buona Power Stage arretra nell’arco della gara, mentre Crugnola dimostra di non avere ancora bene “anestetizzato” il passaggio dalla Citroen C3 R5 alla Hyundai i20 R5, chiudendo senza infamia né lode la Top Ten. A ridosso della stessa, troviamo due equipaggi cechi che si preparano per l’imminente ripartenza della serie nazionale. Undicesimi Erik Cais e Jindriska Zakova con la Ford Fiesta Rally2 già più volte impiegata in Italia nel 2020, superando nell’ultima speciale Filip Mares e Radovan Bucha con la Skoda Fabia Rally2 Evo. Non benissimo le Ford, con Luca Bottarelli solo tredicesimo assoluto con la Fiesta Rally2.

CIR-2021-Rally-Il-Ciocco-paperini-fruini
La vittoria tra gli Under 25 va a Thomas Paperini

Un altro “big” che non regala emozioni al Ciocco è Giacomo Scattolon che fatica molto ad adattarsi alla Volkswagen Polo GTI R5. Dopo la “toccata” che lo ha eliminato al Rally dei Laghi di fine febbraio, il lombardo chiude solo sedicesimo, grazie anche ai problemi di Alessio Profeta che danneggia una ruota della Skoda Fabia Rally2 Evo nelle battute finali tentando di passare Damiano De Tommaso a sua volta in difficoltà tecniche. Profeta si gioca così anche la vittoria tra gli Under 25 che va a Thomas Paperini. Oltre a Mares, anche un altro “big” di prossima partecipazione all’ERC disputa la gara toscana: è Albert Von Thurn und Taxis, ventesimo sull’ennesima Skoda Fabia Rally2 Evo davanti alla Hyundai i20 R5 di Fabrizio Andolfi jr. che paga lo scotto della scarsa esperienza sulle R5 ed alla Skoda Fabia R5 del campione uscente CIR Junior Andrea Mazzocchi.

CIR-2021-Rally-Il-Ciocco-nucita-nucita
Domina la Peugeot 208 Rally4 tra le 2 Ruote Motrici con Andrea Nucita a far da padrone

Dominio Peugeot 208 Rally4 tra le 2 Ruote Motrici con Andrea Nucita che regola nettamente la Ford Fiesta Rally4 di Giacomo Guglielmini e l’identica 208 Rally4 di Christopher Lucchesi jr. Nel Femminile, debutto vincente di Rachele Somaschini con la Citroen C3 Rally2, poco da fare per Patrizia Perosino con la Fabia R5 e Luciana Bandini che comunque sbanca la classe A7 con la Renault Clio Williams. Da dire che la Somaschini si prende il lusso di precedere il vincitore della RGT, il transalpino Jerome Galpin che in attesa della partenza in aprile del campionato nazionale con il Touquet, porta sui tornanti del Ciocco la sua Alpine A110 Rally. Galpin inoltre è noto come curatore della serie Nascar Whelen, importando con successo nel Vecchio Continente i bolidi della mitica serie americana. P

CIR-2021-Rally-Il-Ciocco-somaschini-zanchetta
Nel comparto Femminile, debutto vincente di Rachele Somaschini con la Citroen C3 Rally2

er quanto riguarda il connazionale e compagno di team Jean Luc Roché, ritiro nel finale di gara per noie meccaniche alla propria Alpine. Sparuta la presenza N5 con Gianluca Angeli primo sulla Citroen DS3. Tra le vetture del Renault Clio Trophy Italia vince Davide Nicelli ai danni dell’emiliano Pierfrancesco Verbilli e di Mattia Zanin. Nicelli ha anche il privilegio di vincere il Gruppo R1. Nel Trofeo Suzuki, sempre folto gruppo di partenti con Simone Goldoni che dopo aver avuto l’onore di inaugurare la Power Stage iniziale sbanca la concorrenza con la Swift Sport Hybrid battendo Giorgio Fichera e Igor Iani. Quarto posto di categoria per la Swift R1B di Andrea Scalzotto davanti alla Swift Sport Hybrid di Fabio Poggio, mentre l’unica Swift 1000 Turbo RSTB 1.0 di Marco Soliani è dodicesima. Ivan Cominelli è il migliore tra le Suzuki Swift R1 battendo Manuele Stella.

CIR-2021-Rally-Il-Ciocco-goldoni-macori
Nel Trofeo Suzuki, sempre folto gruppo di partenti con il dominio di Simone Goldoni

Non fortunato il debutto di Alberto Pirola con la Fiat 500 Hybrid, fermo a metà gara per noie tecniche. Un cenno per la A5 che vede vincere il portacolori della Scuderia Costa Ovest di Francesco Ragozzino Silvio Nevischi con la MG ZR 105. Sconfitto il pur rapido Nicolas Iacopinelli su identica vettura. In RS 1.15 emerge Jonathan Piagentini con la Fiat Seicento Sporting, stessa auto del vincitore della A0 Piero Taccini. Sono settantacinque le Auto Moderne che completano la seconda edizione del “Ciocco” a porte chiuse. Per quanto concerne il Challenge di Zona, vittoria per Federico Gasperetti con la Skoda Fabia R5 ai danni dell’identica auto di Luca Panzani e della Citroen C3 R5 dello spezzino Claudio Arzà. A fine gara grande soddisfazione per avere portato comunque a termine nella data prestabilita l’evento toscano. Nel CIR, appuntamento il secondo weekend di aprile per il Rally di Sanremo, che dopo l’annullamento beffa dello scorso anno dovuto al maltempo punta al riscatto, sia pur quasi certamente a porte chiuse.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui