Renault Megane RS, quindici anni di storia e successi

    Lanciata nel 2003 la Renault Megane RS si rilancia sui mercati internazionali con una versione ancora più aggressiva e ambiziosa che ha potuto contare, in fase di sviluppo, anche sulla consulenza tecnica di Nico Hulkenberg, pilota ufficiale della squadra Renault di Formula Uno. Il design rimane fedele alla linea Renault Sport dando l’idea di una vettura altamente performante. Le fiancate permettono un allargamento dei parafanghi di 60 mm nella parte anteriore e 45 in quella posteriore. Rispetto alla Megane GT la carrozzeria ha un’altezza ribassata di 5 mm; le ruote sono da 18 o 19 pollici. Moltissimi sono i riferimenti al mondo delle corse automobilistiche, che rendono ancor più aggressivo il look della Megane RS. Il paraurti anteriore dispone di una presa d’aria che integra la lama F1 in colore Gun Metal Grey, satinato in contrasto con la carrozzeria lucida. La calandra ha una griglia a trama tridimensionale a nido d’ape rivista da Renault Sport.

    Lo scorrimento dei flussi d’aria nel passaruota viene accentuato dagli estrattori d’aria laterali, mentre l’anteriore ed il posteriore sono collegati visivamente da una minigonna che ricorda molto il fondo piatto delle vetture di Formula Uno. Rivisto lo spoiler posteriore per un’aerodinamica migliore con montanti verticali che accentuano la deviazione laterale del flusso d’aria. Il paraurti posteriore dispone di un diffusore sportivo -molto più efficace ed in grado di migliorare la deportanza- e di un sistema di scappamento centrale unico nella gamma Megane. L’impianto frenante sul telaio Cup è caratterizzato da pinze Brembo di colore rosso, facilmente riconoscibili agli appassionati di corse. Tra i nuovi colori della vettura spiccano l’Orange Tonic ed il Giallo Sirius che accentuano lucentezza e riflessi valorizzando le linee della Megane. Gli interni sono dotati di sedili anteriori sportivi con poggiatesta integrati, tessuti di selleria in trama Carbonio o Alcantara e, a richiesta, pedaliera e leva del cambio in alluminio.

     

    A spezzare il dominio del grigio carbonio integrale negli interni, risaltano allettanti cuciture rosse donando un’atmosfera sportiva senza mezzi termini. Il motore è frutto della collaborazione in essere tra Renault e Nissan, un 1.8 Turbo ad iniezione diretta che produce una potenza di 280 CV (205 kW) con una coppia motrice di 390 Nm disponibile da 2400 e 4800 giri/minuto. La testata è stata ridisegnata con una struttura rinforzata ed un nuovo sistema di raffreddamento in grado di disperdere le calorie il più vicino possibile alla camera di combustione. Il Turbocompressore Twin Scroll migliora enormemente la coppia motrice a basso regime. Rivista poi la linea di alimentazione di raffreddamento con una nuova presa d’aria e un elemento filtrante più grande. Grande cura è stata riservata ai materiali che compongono il motore come ad esempio il Diamond Like Carbon per le punterie delle valvole ed il Mirror Bore Coating per le camicie dei cilindri. Questo nuovo motore, con distribuzione a catena e sviluppato in un tempo record di sei mesi, vanta un’emissione di CO2 e consumi ridotti rispettivamente dell’11% e dell’8% rispetto alla Megane III Rs.

    Alla ormai consueta ed affidabile trasmissione manuale a sei rapporti, ora si affianca una trasmissione EDC doppia frizione, sempre a sei rapporti, con nuova spaziatura e parametri specifici per il cambio di rapporto. Questa trasmissione può essere regolata direttamente dal volante con un paddle in base alla modalità Multi-Sense selezionata. Le varianti sono tre: Comfort e Normal per una guida fluida; Sport con un cambio di rapporto più veloce per amplificare le sonorità del motore; Race per cambi super-veloci. La trasmissione EDC ha anche due ulteriori funzioni nelle modalità Sport e Race. Sono il Multi Change Down -per scalare contemporaneamente più rapporti premendo il paddle sinistro per una migliore uscita dalla curva- ed il Launch Control per partenze scattanti come quelle di una gara, grazie al pretensionamento di frizione e turbo. La modalità Sport permette l’uso del sistema antislittamento per una migliore trazione anche in condizioni di aderenza precarie. Interessante l’adozione della Tecnologia 4Control per un perfetto connubio tra performance, agilità e stabilità.

    Questo sistema a quattro ruote sterzanti è una novità assoluta tra le sportive compatte e migliora l’agilità nelle curve strette e la stabilità in quelle veloci. Con velocità basse le ruote posteriori sterzano in senso opposto rispetto a quelle anteriori in un limite di 2,7 gradi. A velocità alte le ruote anteriori e posteriori sterzano nello stesso senso entro un limite di un grado per le ruote posteriori. Grazie al freno posteriore perfettamente tarato il guidatore dispone di una maggiore stabilità e di una guida sportiva senza problemi. Il punto di inversione è a 60 km/h, ma raggiunge i 100 km/h in modalità race. Il sistema 4Control permette al guidatore di disporre la vettura nella traiettoria ideale per riprendere nel modo migliore e più rapido l’accelerazione. L’avantreno ad asse indipendente TAPI è un altro punto di forza della Megane RS, ed è stato rivisto per adattare la geometria alle nuove ruote da 19’’ aumentando la rigidità. Due sono i telai disponibili per la Megane RS: Sport e Cup, ciascuno con un proprio settaggio delle sospensioni.

    Il telaio Sport conferisce una maggior versatilità su qualunque fondo stradale, anche quelli più compromessi, grazie ai nuovi ammortizzatori ed alla ripartizione elettronica della coppia. Con un’azione indipendente sui freni delle ruote motrici questa tecnologia limita il sottosterzo e ottimizza la trazione in uscita di curva. Il telaio Cup dispone di ammortizzatori più rigidi del 10% con un nuovo differenziale meccanico Torsen a slittamento limitato, che migliora il comportamento della vettura sia in fase di decelerazione che di accelerazione. Il sistema frenante, di cui abbiamo accennato brevemente sopra, è ancora più evoluto. Il diametro dei dischi anteriori è aumentato a 355 mm, 15 mm in più rispetto alla Megane III Rs. Sul telaio Cup spiccano i dischi bi-materiali alluminio/ghisa che riducono di 1,8 kg il peso del veicolo per ciascuna ruota, con un raffreddamento migliorato. La corsa del pedale ha un settaggio tale da permettere un dosaggio preciso per un migliore controllo.

    Le sospensioni vedono un importante miglioramento con l’introduzione dei fine corsa idraulici di compressione su tutti gli ammortizzatori. Mutuata dal mondo dei rally, questa tecnologia fa sì che il movimento della ruota sia ammortizzato prima di raggiungere fine corsa, con una dispersione di energia non diretta verso la ruota e l’azzeramento degli effetti di rimbalzo a tutto vantaggio dell’aderenza pneumatico-fondo stradale. I fine corsa idraulici riducono anche le turbolenze ad alta velocità assicurando una guida sportiva più accessibile sulle vetture a telaio Sport ed un carattere sportivo moltiplicato per dieci sulle vetture a telaio Cup, con turbolenze pressoché azzerate. Il sistema RS Monitor è stato completamente rivisto ed offre funzionalità ampliate. Esso sintetizza le informazioni che arrivano da circa quaranta sensori distribuiti sulla Megane. Il tablet Touchscreen R-Link 2 visualizza diversi parametri del veicolo in tempo reale.

    L’RS Monitor Expert filma le sessioni di guida sovrapponendovi i dati di telemetria offrendo video in realtà aumentata, condivisibili in tempi rapidissimi sui social network. Il sistema RS Vision vanta di fari a LED multi-riflettori, a forma di bandiera a scacchi, posti da una parte e dall’altra della lama F1 presente sul paraurti anteriore. Questo sistema comprende quattro funzioni di illuminazione ad alto livello per luci di posizione, fari direzionali, fendinebbia ed abbaglianti che coprono una portata di 460 metri, con un incremento del 17% rispetto alla Megane III Rs. Il sistema Multi-Sense opera in base alla risposta del motore, alla mappatura del pedale del gas ed alla rigidità dello sterzo, personalizzando l’esperienza di guida in base alle situazioni. Cinque le varianti proposte: Comfort per un ridotto consumo di carburante; Normal per un ottimo equilibrio tra comodità, sonorità e sicurezza; Sport per un temperamento sportivo con una risposta del motore rapida ed uno sterzo più rigido; Race per una guida perfetta in pista con ESP disattivato e maggiore agilità tramite il sistema 4Control parametrizzato; Perso con le tecnologie e dispositivi di assistenza regolati in base alle esigenze del conducente.

    Queste modalità sono accessibili attraverso il tablet touchscreen R-Link 2. Con il pulsante RS Drive si può passare in tempi rapidi dalla modalità Sport a quella Race. L’Head-Up Display a colori è a scomparsa ed offre informazioni su velocità, navigazione ed assistenza alla guida. Sono disponibili oltre dieci dispositivi di guida assistita tra cui il regolatore di velocità adattivo, il sistema di frenata di emergenza attiva, l’allarme eccesso di velocità, il sistema Easy Park Assist, e così via. Il sistema audio è concepito tramite una collaborazione con la Bose ed è composto da un altoparlante centrale anteriore, otto altoparlanti distribuiti nell’abitacolo ed un subwoofer nel baule per un suono ad altissima definizione. La nuova Renault Megane Rs sarà prodotta a Palencia, in Spagna, e sul finire del 2018 sarà raggiunta da una versione Trophy con motore di 300 CV.

    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui