Nuova Nissan Leaf, oltre il concetto di auto

    Arriva anche sul mercato italiano la nuova Nissan Leaf, il veicolo 100% elettrico più venduto a livello mondiale. Non è esattamente un restyling ma un vero e proprio stravolgimento del modo di pensare l’auto. La nuova Nissan Leaf si ripropone infatti di rivoluzionare la concezione di auto: si può guidare con un solo pedale, parcheggia in maniera autonoma assumendo il controllo dello sterzo, dell’acceleratore e del freno e consente di guidare in autostrada in autonomia su singola corsia. La nuova Nissan Leaf è l’evoluzione della tecnologia applicata all’auto che diventa intelligente, per un concetto di mobilità che trascende il trasporto e si integra nella città del futuro per una perfetta armonia tra persone, cose, veicoli e natura per un mondo migliore e più sostenibile per tutti.

    Così quest’auto 100% elettrica diventa uno strumento, oltre che per muoversi, anche per immagazzinare, scambiare energia con la rete all’interno di un ecosistema più ampio. In virtù delle tecnologie “Leaf to Home” e “Vehicle-to-grid” Nissan Leaf si trasforma in un vettore di energia utile per lo stoccaggio e per lo scambio di energia con la rete pubblica e con la rete domestica con numerosi benefici per la collettività, i gestori di energia e il cliente. La promozione di questo innovativo sistema avverrà attraverso il Nissan Intelligent Mobility Tour che partirà da Milano per poi toccare le principali piazze italiane – Trento, Bologna, Firenze, Roma, Bari, Catania e Torino – e dimostrare come l’auto 100% elettrica possa generare non solo una più ampia libertà di circolazione ma anche una maggiore efficienza nei consumi e una migliore integrazione dei flussi energetici, con meno sprechi e più stabilità.

    Il funzionamento del sistema di integrazione elettrica della Nuova Leaf con la città intelligente sarà visibile all’interno di una teca con strisce led che si illuminano a settori simulando il flusso della corrente elettrica, dalla colonnina di ricarica verso l’autovettura e dall’autovettura agli eventuali possibili dispositivi ad uso domestico. Questa tecnologia consente la ricarica bidirezionale, scambiando energia tra i veicoli elettrici, la casa, l’ufficio e la rete, contribuendo a migliorare la capacità di gestire flussi di energia rinnovabili non programmabili, stoccando le fonti rinnovabili e rendendole sempre accessibili.

    Lascia un commento

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui