WSSP Thailandia, sventola ancora il tricolore con Caricasulo

Redazione
Pubblicato il marzo 12, 2017, 8:30 pm
4mins

Seconda vittoria in due gare per i nostri portacolori nel WSSPCampionato Mondiale Supersport. A Buriram a salire sul gradino più alto del podio è Federico Caricasulo con la Yamaha, che si riscatta per la caduta partita nella prima gara di Phillip Island. Con questo successo Caricasulo si rilancia nella lotta per il titolo che vede ancora come capolista Roberto Rolfo con la MV Agusta. Il piemontese vincitore in Australia esce dalla Thailandia con le ossa rotte, concludendo solo undicesimo sugli appena quattordici concorrenti classificati. Nonostante la pista asciutta, numerosi sono i concorrenti finiti nella lista dei ritirati, molti dei quali dovuti a rotture meccaniche. Per PJ Jacobsen con la seconda MV Agusta ed il malese Zulfahmi Khairuddin con la Kawasaki, la gara dura appena due tornate, mentre il transalpino Lucas Mahias con la Yamaha resiste per tre giri prima di salutare la compagnia.

Il podio della tappa Thailandese del WSSP

Il podio della tappa Thailandese del WSSP

L’idolo locale Polamai, in pista con la YZF della Yamaha Thailand Racing Team, manda in visibilio il pubblico di Buriram occupando per un solo giro la leadership prima di cadere e doversi ritirare. Jules Cluzel con la Honda CBR 600 RR della CIA Landlord Insurance Honda torna così al comando conquistato subito dopo il via, ma all’undicesimo giro è costretto a prendere la via dei box per un ulteriore guasto meccanico. Così Caricasulo passa al comando davanti a Decha Kraisart che con la sua Yamaha ufficiale sostituisce Polamai nel “cuore” degli appassionati locali. Anche Kraisart ottiene il suo momento di gloria al quattordicesimo giro, ma il boato del pubblico si spegne dopo una sola tornata quando Caricasulo riprende la leadership e si invola verso la vittoria, che lo lancia in terza posizione nella classifica generale di campionato. Kraisart è secondo tra gli applausi mentre il podio lo completa il finnico Niki Tuuli con la Yamaha YZF del team Kallio Racing.

Decha Kraisart con la Yamaha conquista il secondo gradino del podio

Decha Kraisart con la Yamaha conquista il secondo gradino del podio

Per Tuuli punti importanti che lo proiettano al secondo posto in campionato WSSP. Il pubblico Thailandese applaude anche Thitipong Warokorn che termina ai piedi del podio con la Kawasaki ZX-6R di Puccetti. Alle sue spalle il compagno di team Kyle Ryde che intasca punti preziosi in ottica campionato. Sesto con la Honda CBR 600 RR superstite della CIA Landlord Insurance Honda il nipponico Hikari Okubo. Gli unici altri italiani al traguardo sono Rolfo, che termina undicesimo dopo una gara tribolata, e Davide Pizzoli che chiude quattordicesimo ed ultimo con la MV Agusta della Race Department ATK 25. Per lui comunque due punti. Fermo per guasto meccanico Michael Canducci con la Kawasaki di Puccetti, caduto Christian Gamarino con la Honda e costretto al forfait già nelle qualifiche Alex Baldolini, a gambe all’aria con la MV Agusta. Per lui probabilmente salterà anche il primo round europeo in Spagna ad inizio Aprile.

Sfortunata la prestazione di Christian Gamarino

Sfortunata la prestazione di Christian Gamarino

Condividilo con:


Articoli simili:

Coppa Italia: i verdetti del 4° Round di Misano Stefano Pedrini 1° nella Michelin Power GP 600 Una piovosa giornata di attività ha caratterizzato il 'Race Day' della Coppa Italia al Misano World C...
WSSP, ad Assen tutto storto per Rolfo Kenan Sofuoglu torna a farsi sentire nel WSSP - Mondiale Supersport e in sella alla Kawasaki ZX-6R di Puccetti vince nettamente il round di Assen. Se ...
Superstock: a Misano brillano Savadori e Faccani Luca Savadori Costituiva il quarto appuntamento stagionale per entrambe le serie quello disputatosi al Misano World Circus e davanti al pubblico d...
WSSP: Van Der Mark sigla Portimao Michael Van Der Mark Momento di snodo, forse, l’appuntamento numero otto della stagione per il cammino del WSSP. Sul circuito Internacional do Algar...