WSBK, Rea iridato non si accontenta e concede il bis

Redazione
Pubblicato il settembre 30, 2018, 8:30 pm
6mins

Anche la seconda manche WSBK corsa sul circuito di Magny Cours finisce nelle grinfie del neo-campione mondiale Superbike Jonathan Rea. Il pilota ufficiale Kawasaki continua ad imporre la sua legge sul percorso francese nonostante un’iniziale “sfuriata” di Chaz Davies che con la Ducati Panigale R comanda per le prime undici tornate. Poi il neo-Campione del Mondo SBK si lancia all’attacco, passa in testa e si invola verso la vittoria.

Un onorevole secondo posto per Chaz Davies importante in ottica di Campionato WSBK

Un onorevole secondo posto per Chaz Davies importante in ottica di Campionato WSBK

Ora Rea punta a raggiungere il record di punti della categoria e con le 470 lunghezze già messe in carniere e quattro manche ancora da disputare non dovrebbe essere un traguardo difficile da raggiungere. Il secondo posto conseguito nella seconda manche consente a Davies di recuperare qualche punto di vantaggio in ottica campionato su Michael Van der Mark. L’olandese giunge terzo con la Yamaha YZF R1 e culla ancora il sogno di diventare vice-campione, un traguardo inatteso visto il deludente inizio di campionato.

Michael Van der Mark giunge terzo con la Yamaha YZF R1: alle sue spalle vediamo Marco Melandri che chiuderà al quinto posto

Michael Van der Mark giunge terzo con la Yamaha YZF R1: alle sue spalle vediamo Marco Melandri che chiuderà al quinto posto

Tom Sykes conclude l’escursione in territorio francese ai piedi del podio e, dopo l’ottima prima manche, torna mestamente al ruolo di “tartaruga” del team ufficiale Kawasaki. Alle sue spalle troviamo il futuro ex-pilota ufficiale Ducati Marco Melandri che spera ancora di agguantare il quarto posto in campionato proprio a scapito di Tom Sykes e, con esso, anche un ingaggio per la stagione 2019.

Il podio di Magny Cours, tappa francese della WSBK

Il podio di Magny Cours, tappa francese della WSBK

Ottima seconda manche per il nostro Lorenzo Savadori con l’Aprilia RSV4 RF, l’italiano si conferma pilota di punta della squadra di Noale nel weekend francese stante la prova deludente di Eugene Laverty che chiude soltanto undicesimo. Si riscatta dopo la caduta della prima manche Alex Lowes che con la seconda Yamaha ufficiale termina settimo davanti a Xavi Fores.

Ottima seconda manche per Lorenzo Savadori con l’Aprilia RSV4 RF

Ottima seconda manche per Lorenzo Savadori con l’Aprilia RSV4 RF

Lo spagnolo di Barni perde un po’ di ritmo nella seconda manche ma è comunque il migliore degli Indipendenti e conta di riportare in alto la sua Ducati Panigale R nelle ultime quattro manche di campionato, che saranno anche le ultime prima di separarsi dal team italiano. Pallidi segni di riscatto per la Honda CBR 1000 RR di Leon Camier al nono posto davanti a Loris Baz. Il pilota del team Gulf Althea BMW non riesce ad esaltarsi nemmeno sulla pista di casa con la sua BMW S 1000 RR e fa fatica a completare la Top Ten.

Jake Gagne termina sedicesimo fuori dalla zona punti. Va meglio a Leon Camier (dietro) nono al traguardo

Jake Gagne termina sedicesimo fuori dalla zona punti. Va meglio a Leon Camier (dietro) nono al traguardo

Dopo la buona prima manche Toprak Razgatlioglu è dodicesimo con la Kawasaki ZX 10 RR di Puccetti davanti alla Ducati Panigale R del Junior Team ufficiale di Michael Ruben Rinaldi, riuscito ad effettuare la seconda manche nonostante i danni fisici patiti nella manche del sabato. Le briciole della zona punti vanno nell’ordine a Jordi Torres con la MV Agusta 1000 F4 ed alla Kawasaki ZX 1000 RR di Leandro Mercado. Sono in quattro a non chiudere in zona punti con le Honda CBR 1000 RR di Jake Gagne e PJ Jacobsen rispettivamente al sedicesimo e diciassettesimo posto.

Xavi Fores è ottavo nella seconda manche, comunque il migliore degli Indipendenti

Xavi Fores è ottavo nella seconda manche, comunque il migliore degli Indipendenti

Due Kawasaki private completano la classifica. Si tratta della ZX 10 RR che GoEleven schiera per Roman Ramos e di quella del francese Jeremy Guarnoni convocato d’urgenza da Lucio Pedercini per rimpiazzare Yonny Hernandez. E’ assai improbabile che l’ex-protagonista della 500 GP riconvochi il colombiano per le restanti gare di campionato. Due soli i ritirati. Subito fermo per problemi tecnici Mathieu Lussiana con l’Aprilia RSV4 RF della Dreamteamcompany mentre Jakub Smrz finisce a terra con la Yamaha YZF R1 di Guandalini.

Loris Baz con la BMW S 1000 RR fa fatica a completare la Top Ten. Dietro di lui chiuderà Eugene Laverty con l’Aprilia RSV4 RF

Loris Baz con la BMW S 1000 RR fa fatica a completare la Top Ten. Dietro di lui chiuderà Eugene Laverty con l’Aprilia RSV4 RF

Il Campionato Mondiale Superbike saluta l’Europa con il titolo piloti già assegnato e salpa verso l’Argentina. Molto probabilmente anche in Sud America si assisterà al dominio di Jonathan Rea, che al momento appare veramente imprendibile per chiunque. Riuscirà quantomeno Davies a conservare il secondo posto in campionato dal ritorno sempre più minaccioso di Van der Mark?

Condividilo con:


Articoli simili:

Riscatto Ducati in WSBK Chaz Davies innaffia il podio della WSBK ad Aragon Che Aragon sia il circuito nella WSBK preferito da Chaz Davies è risaputo, ma l’inglese della Duc...
ELF CIV a Imola: il sole delle due ruote splende s... Anche il round n. 2 dell’ELF CIV 2017 va in archivio ad Imola, non prima di aver regalato gare dense di sano sport, spettacolo ed emozioni. Nella clas...
WSBK in verde Gara 2 in Thailandia: Tom Sykes precede Johnny Rea e Chaz Davies Kawasaki conferma il primato di moto da battere. Anche al termine dei due “torridi”...
WSBK Phillip Island, doppietta di Rea ma Ducati c’... Parte la stagione 2017 del WSBK –Campionato Mondiale Superbike– sull’ostico tracciato di Phillip Island e subito il Re fa capire che non sarà facile d...