WSBK, a Imola solo Davies resiste a Rea

Redazione
Pubblicato il maggio 13, 2018, 8:30 pm
8mins

Il WSBKCampionato Mondiale Superbike– sembra finire nuovamente nelle grinfie della Kawasaki ed a Imola splende la stella di Jonathan Rea. Vince entrambe le gare in programma ed allunga in classifica, con duecentonove punti in carniere contro i centosessantadue di Chaz Davies. Nella prima manche è trionfo per le ZX-10 RR con Rea leader dal primo all’ultimo giro e Tom Sykes alle sue spalle. Le Panigale R possono ben poco, se non altro l’Italia raccoglie una piccola soddisfazione con il terzo posto di Marco Melandri. Un piazzamento che segnala un piccolo recupero di competitività del romagnolo dopo la crisi delle ultime gare.

Il podio di gara 1 con lo sfondo del magnifico pubblico di Imola

Il podio di gara 1 con lo sfondo del magnifico pubblico di Imola

Davies chiude quarto staccato di circa un secondo dal compagno di squadra. Al quinto posto si installa l’iberico Xavi Fores. Il pilota di Barni Racing, applauditissimo, dimostra ottime qualità di pilotaggio sul tortuoso tracciato imolese e non concede chance alla Yamaha ufficiale di Michael Van der Mark, costretto al sesto posto con la sua YZF R1. Oltre a Melandri, soddisfazioni per i nostri colori vengono dal giovane Michael Ruben Rinaldi che termina al settimo posto con la Panigale R del Junior Team, sconfiggendo nel rush finale l’Aprilia RSV4 RF di Lorenzo Savadori.

Chaz Davies ci ha regalato uno spettacolo di classe pura in gara 2

Chaz Davies ci ha regalato uno spettacolo di classe pura in gara 2

Per il nono posto si assiste ad un confronto a tre che coinvolge la Yamaha YZF R1 ufficiale di Alex Lowes, decisamente non in forma, alle Kawasaki ZX-10 RR che Puccetti schiera per Leon Haslam e Toprak Razgatlioglu. Alla fine è Haslam ad avere la meglio su Lowes ed il compagno di squadra turco. Delusione per Laverty che chiude solo dodicesimo, davanti a Loris Baz. L’ex-pilota Moto GP non riesce ad uscire dalla spirale di cattivi risultati raccolti con la BMW S1000 RR e duella per gran parte della gara con la MV Agusta 1000 F4 di Jordi Torres, sconfiggendolo solo sul rush finale.

Un sesto posto e un disastro in gara 2 è il bottino di Michael Van der Mark a Imola

Un sesto posto e un disastro in gara 2 è il bottino di Michael Van der Mark a Imola

Chiude la zona punti la Kawasaki ZX-10 RR di Leandro Mercado. Per le Honda debacle totale. L’unica CBR 1000 RR ufficiale al traguardo è quella di Jake Gagne sedicesimo. Jason O’Halloran, sostituto di Leon Camier, rovina a terra dopo un giro e si frattura la gamba destra mettendo la parola fine al suo weekend e, probabilmente, anche allo stint con la Ten Kate. Brevissima anche la corsa di PJ Jacobsen, che rientra subito ai box con la CBR 1000 RR della Triple M. In Gara 2 si assiste all’incredibile scatto di Rinaldi, che occupa per due giri la prima posizione per la sorpresa del pubblico.

Incredibile scatto di Michael Ruben Rinaldi in partenza di gara 2 poi in calo per problemi agli pneumatici

Incredibile scatto di Michael Ruben Rinaldi in partenza di gara 2 poi in calo per problemi agli pneumatici

Al terzo giro passa in testa Davies, ma alle sue spalle Rea si avvicina in modo sempre più minaccioso. Mentre infuria un’indimenticabile lotta per la leadership, all’ottavo giro c’è una collisione tra Melandri e Van der Mark che finiscono entrambi fuori gara. L’errore dell’olandese, oltre a precludere a Melandri un possibile podio, spegne le residue chance del romagnolo di rimanere alle calcagna dei primi in classifica di Campionato. Nel frattempo erano già rientrati ai box Jake Gagne e la Wild Card Vladimir Leonov, quest’ultimo in gara con una Kawasaki ZX-10 RR della SPB.

Grande gara due per Jordi Torres e la MV Agusta, che terminano quinti

Grande gara due per Jordi Torres e la MV Agusta, che terminano quinti

Al tredicesimo giro Rea gela il pubblico di Imola e va in vetta involandosi verso una doppietta meritata. Davies si deve accontentare del secondo posto, mentre Sykes completa il podio. Gara da applausi per Fores che termina ai piedi del podio ed avvicina nella classifica generale di campionato la quarta posizione detenuta da Marco Melandri. Forse con Fores sta emergendo un nuovo futuro protagonista delle due ruote internazionali, vale la pena tenerlo d’occhio. Grande gara per Jordi Torres e la MV Agusta, che terminano quinti.

Non è stato un weekend entusiasmante per l’Aprilia RSV4 RF di Lorenzo Savadori

Non è stato un weekend entusiasmante per l’Aprilia RSV4 RF di Lorenzo Savadori

Un piazzamento impensabile appena ventiquattro ore prima, per di più ottenuto battendo la Yamaha ufficiale superstite di Alex Lowes e la Ducati ufficiale di Rinaldi, calato sulla distanza per via di una scelta di gomme non perfetta. Ottimo anche Toprak Razgatlioglu, ottavo davanti a Laverty. Decimo l’argentino Mercado in ripresa con la Kawasaki della Orelac, sconfigge allo sprint il francese Baz. I ritiri dei “big” consentono a qualche privato di mettere piede in zona punti, è il caso di Roman Ramos e Yonny Hernandez rispettivamente dodicesimo e tredicesimo con le Kawasaki ZX-10 RR private.

Un quinto e un quarto posto in mezzo ai big per Xavi Fores con la Ducati di Barni Racing

Un quinto e un quarto posto in mezzo ai big per Xavi Fores con la Ducati di Barni Racing

Mentre l’iberico è assistito dalla GoEleven, la moto di Hernandez è curata dall’ex-protagonista del Motomondiale 500 Lucio Pedercini. PJ Jacobsen “salva” l’onore Honda con il quattordicesimo posto; c’è un po’ di gloria anche per il ceco Ondrej Jezek che, con la Yamaha YZF R1 di Guandalini, artiglia la quindicesima posizione grazie anche alla digressione nella ghiaia che spedisce a fondo classifica Leon Haslam. Una settimana di pausa e poi si torna subito tutti in campo a Donington Park per il round inglese.

Colpi di spumante per i mattatori di gara 2 a chiusura di uno splendido weekend della WSBK a Imola

Colpi di spumante per i mattatori di gara 2 a chiusura di uno splendido weekend della WSBK a Imola

Sarà uno scontro alla pari tra Rea e Davies, su una pista familiare ad entrambi e davanti ad un pubblico amico per tutti e due. Molto probabilmente sarà in Inghilterra che si decideranno gran parte delle sorti del Campionato Mondiale Superbike 2018.

Condividilo con:


Articoli simili:

WSBK Thailandia, dominio incontrastato di Jonathan... Il WSBK fa tappa in Thailandia e vede Jonathan Rea ancora protagonista assoluto. In sella alla ZX-10 R ufficiale, il portacolori Kawasaki domina coman...
WSBK: infiamma il duello Rea-Davies Il duello tra Jonathan Rea e Chaz Davies si protrae fin sotto la bandiera a scacchi Anima l’intero fine settimana malese il duello tra Jonathan Rea ...
WSBK, grande Davies ma Melandri perde la vetta Secondo round stagionale in chiaroscuro per la Ducati nel WSBK. Sulla pista di Buriram in Thailandia, che da questa stagione ospiterà anche una tappa ...
ELF CIV 2017, scoppiettante partenza da Imola Paddock gremito e piloti agguerriti, un vero toccasana per le emozioni che si sono sprecate in questo primo round dell’ELF CIV 2017. Battaglie in tutt...