TCR Italy, in Riviera continua il cammino di Ferrara

Redazione
Pubblicato il Giugno 17, 2018, 8:30 pm
6mins

Il TCR Italy Touring Car Championship fa tappa nella Riviera Romagnola per la terza gara stagionale e purtroppo il doppio evento riminese viene nuovamente caratterizzato da una grossa carambola, stavolta nella seconda manche. Il pugliese Davide Nardilli con la Honda Civic della MM Motorsport va a colpire pesantemente la Peugeot 308 di Adriano Bernazzani e si ribalta all’uscita della Quercia, causando lo stop della corsa con la bandiera rossa. Altri concorrenti restano vittime di un’ammucchiata al Tramonto. Alcuni, come Alessandro Thellung ed Enrico Bettera, rimangono nella sabbia e devono ritirarsi, altri riguadagnano i box ma sono costretti a loro volta rinunciare alla seconda partenza per via dei danni meccanici subiti nel sinistro. Comunque, andando per ordine, al Misano World Circuit, la prima manche registra la vittoria di Luigi Ferrara con l’Alfa Romeo Giulietta della V-Action.

Podio TCR gara 1

Podio TCR gara 1

Sconfitto Salvatore Tavano con la Seat Leon TCR della Seat Sport Italia mentre al terzo posto conclude Plamen Kralev. Il bulgaro, che sembrava destinato a passare alla Coppa Italia Turismo dopo l’incidente di Imola, torna invece nella serie TCR Italy e con l’Audi RS3 LMS della Kraf Racing conquista il primo podio stagionale ai danni della Hyundai i30 N TCR di Eric Scalvini. Quinto è Max Mugelli con la migliore delle numerose Honda Civic, davanti alle identiche vetture che la Target schiera per Juergen Schmarl e Marco Pellegrini Anatrella. Tra le vetture a cambio DSG bella vittoria per Giuseppe Montalbano. Il figlio d’arte impone la sua Seat Leon davanti alle identiche vetture di Matteo Bergonzini e Thellung, riuscito finalmente a conquistare un podio di classe dopo la sfortuna patita nelle prime manche di Imola e Le Castellet.

Podio TCR DSG gara 1

Podio TCR DSG gara 1

La seconda manche, fatta ripartire dietro la Safety Car con via lanciato, vede i “superstiti” del botto di cui sopra, continuare a darsele di santa ragione. Ferrara tenta subito una difficile risalita passando la Leon ufficiale di Matteo Greco, subentrato a Tavano, e quindi attaccando Eric Scalvini. Il lombardo si gira e perde terreno con la Hyundai i30 N TCR della BRC Racing, poi Kralev e Pellegrini Anatrella “agevolano” ulteriormente la risalita del pugliese dovendo entrambi ritirarsi per noie meccaniche “colpose”. Al comando c’è Andrea Larini che contiene bene la Honda Civic di Schmarl. Il toscano sembra avviato ad una nuova vittoria dopo il “comodo” successo di Gara 2 a Le Castellet, ma la Direzione Gara gli infligge venticinque secondi di penalità per una irregolarità durante la partenza dietro Safety Car. Schmarl si scambia ripetutamente il secondo posto con Ferrara ed alla fine è l’austriaco ad avere la meglio ed intascare la vittoria.

Podio TCR gara 2

Podio TCR gara 2

Il podio lo completa Mugelli davanti a Lorenzo Nicoli ed al siciliano Edoardo Cappello. Il catanese, già distintosi nelle salite del CIVM con la sua Alfa Romeo E1 e la propria Fiat Ritmo Abarth e con un buon passato anche nelle gare Turismo Open ed in Renault Clio Cup, brilla all’esordio con l’Alfa Romeo Giulietta sotto i colori del Team Piloti Forlivesi. In classe DSG ancora un successo per Giuseppe Montalbano davanti a Giovanni Altoè e Matteo Bergonzini. Nono posto per Nicola Baldan con la Hyundai i30 N TCR davanti allo sfortunato Scalvini ed a Cosimo Papi, tornato in scena con la Seat Leon TCR della BD Racing dopo il violento incidente sul rettifilo di partenza di Imola. Positivo tredicesimo posto per Walter Margelli con la Honda Civic della Nannini Racing, anche il bolognese tornava dopo l’incidente di Gara 1 all’Autodromo Enzo e Dino Ferrari.

Podio TCR DSG gara 2

Podio TCR DSG gara 2

Nella prima manche l’emiliano, ex protagonista in Formula 2000 e nel Campionato Italiano Prototipi, aveva chiuso ventitreesimo. Quattordicesimo posto in seconda manche per l’unica Volkswagen Golf TCR in gara, pilotata dal bravo veneto Daniele Cappellari. All’esordio nella categoria TCR anche Vito Tagliente, subentrato a Francesco Savoia sulla Seat Leon della Gretaracing. Il pugliese, che appena sette giorni fa aveva corso alla Cronoscalata Selva di Fasano con una Peugeot 308 E1 1600 Turbo, tenta di evitare le situazioni di pericolo e riesce a completare la gara a pieni giri al ventunesimo posto nonostante alcuni problemi tecnici, in particolare alle gomme. La prossima gara del TCR Italy sarà al Mugello il prossimo 15 Luglio. Lo spettacolo continua…

Condividilo con: