TCR Italy, esordio spettacolare ad imola

Redazione
Pubblicato il Aprile 29, 2018, 8:30 pm
5mins

La serie riservata alle vetture TCR Italy 2018 scatta all’Autodromo di Imola con ben ventisei auto in griglia di partenza e la presenza di diversi nuovi marchi che migliorano il livello tecnico di un Campionato che, a differenza dell’Italiano GT, sembra godere di ottima salute.

Il podio dell'assoluta di gara 1 del TCR Italy

Il podio dell’assoluta di gara 1 del TCR Italy

La prima manche si caratterizza per una serie di contrattempi. Prima del via alcuni meccanici si attardano sulle vetture anche durante la fase di cinque minuti che precede il warm-up lap; poi al via Nico Baldan rimane piantato sullo schieramento con la sua Hyundai i30 TCR venendo evitato da tutti. Nel primo giro l’austriaco Peter Gross con la Seat Leon a cambio DSG sperona il bolognese Walter Margelli -al debutto nella serie con una Honda Civic curata da Nannini Racing- spedendolo contro le barriere verso la Variante Alta. Per agevolare le operazioni di rimozione delle vetture fuori pista, entra la Safety Car che accompagna il gruppo per alcune tornate. Fuori dai giochi anche Davide Nardilli a causa di un semiasse della sua Honda Civic. Durante la fase di bandiere gialle Federico Paolino con la Hyundai i30 TCR compie un sorpasso e di lì a poco subirà una penalità di venticinque secondi. Al nuovo via si accende la bagarre per la vittoria tra Luigi Ferrara con l’Alfa Romeo Giulietta della V-Racing ed Eric Scalvini con la seconda Hyundai della BRC Racing.

Podio di gara 1 delle DSG

Podio di gara 1 delle DSG

Risolve il duello un guasto meccanico, che elimina il secondo nelle battute finali. Un cedimento che evita una beffa ben peggiore, visto che Scalvini sarebbe stato a sua volta penalizzato di venticinque secondi per il comportamento non regolamentare dei meccanici prima del via. Anche per Baldan, autore di una bella rimonta, si abbatte la scure della penalità. Si registra anche una toccata tra le vetture della classe DSG con Alessandro Thellung eliminato da una collisione con Cosimo Papi. Ferrara rimasto solo va a vincere davanti a Salvatore Tavano con la Seat Leon a cambio sequenziale ed Enrico Bettera con l’Audi RS3 LMS di Pit Lane. Tra gli stranieri il migliore è Antonio Jose Rodrigues con la Honda Civic TCR della Target Competition, quarto ai danni della Seat Leon Cupra di Andrea Larini. Tra le vetture DSG vittoria per Giovanni Altoè con l’Audi RS3 LMS davanti alla Leon di Francesco Savoia, terzo Massimiliano Gagliano sempre su Leon.

Podio assoluta gara 2 del TCR Italy 2018

Podio assoluta gara 2 del TCR Italy 2018

Nella seconda manche partenza dietro la Safety Car a causa di un rovescio di pioggia. Al via capita veramente di tutto tra digressioni nella ghiaia e sorpassi poco puliti. Lorenzo Nicoli con la Honda Civic è secondo dietro l’identica vettura di Jurgen Schmarl della Target, ma il romano è sanzionato con un Drive Through per un sorpasso compiuto durante la fase di neutralizzazione. Altoè passa secondo davanti a Larini, ma dietro si fanno vivi anche Ferrara e Rodrigues. Il pugliese guadagna vistosamente terreno, mentre il portoghese sciupa tutto con una digressione fuori pista. Identica sorte anche per Schmarl che va largo alla Rivazza e precipita in classifica, mentre Bettera riesce a passare Larini con un bell’attacco al Tamburello.

Podio di gara 2 delle DSG

Podio di gara 2 delle DSG

Il finale di gara si preannuncia elettrizzante, ma Plamen Kralev rovina tutto entrando in collisione sul traguardo con la Seat Leon di Gabriele Volpato e causando l’esposizione della bandiera rossa. Se la Leon di Volpato se la “cava” con qualche ammaccatura, la vettura di Kralev finisce contro le barriere con ruote storte e la carrozzeria pesantemente rovinata. Comportamenti “impropri” e “leggerezze” a parte, Ferrara conquista la doppietta su Bettera e Larini. Tra le DSG Altoè vince senza grossa fatica davanti ai polivalenti Savoia ed Ermanno Dionisio. Quest’ultimo guadagna rapidamente dimestichezza con l’Audi RS3 LMS della Pit Lane. Dopo la sfortuna della prima manche qualche piccolo miglioramento per le Hyundai, con Baldan quinto dopo una rimonta rabbiosa e Paolino undicesimo; per Scalvini ancora un cedimento meccanico a pochi minuti dalla fine. Il TCR Italy Touring Car Championship ora già si proietta alla prossima gara, sul circuito francese del Paul Ricard, il prossimo 13 Maggio.

Condividilo con:


Una risposta a: TCR Italy, esordio spettacolare ad imola