TCR Italy, a Le Castellet prima Baldan poi l’uragano

Redazione
Pubblicato il Maggio 13, 2018, 8:30 pm
5mins

Seconda tappa stagionale per il TCR Italy 2018 a Le Castellet con una griglia di diciannove concorrenti, alla luce di alcuni forfait; quasi tutti gli assenti dovrebbero tornare a Misano Adriatico. La prima manche registra il successo di Nicola Baldan con la Hyundai i30 N. E’ un duello fratricida tra vetture della casa coreana che oppone il rodigino a Eric Scalvini, in gara per i colori della BRC Racing. Alla fine è Baldan a mettere a segno l’attacco vincente in una gara caratterizzata da tanti, troppi eccessi di agonismo. A pagarne lo scotto tra gli altri è Enrico Bettera, grande protagonista ad Imola. Al volante dell’Audi RS3 LMS di Pit Lane viene spedito in testacoda da una collisione con Max Mugelli. Quest’ultimo dura solo un paio di curve in più in quanto viene colpito dalla Seat Leon DSG di Massimiliano Gagliano. La Honda Civic del toscano si gira ed il motore si spegne decretando un altro ritiro, fortunatamente gli altri concorrenti schivano l’ostacolo. Un altro incidente degno di nota lo causa Lorenzo Nicoli, già coinvolto nella bagarre del primo giro. Il romano viene toccato duro all’ultima curva da Caglayan Celik che esordisce nella serie italiana con la Seat Leon TCR della Toksport. Nicoli si intraversa, lo sfortunatissimo Alessandro Thellung con la Seat Leon DSG della BF Motorsport non riesce ad evitarlo e c’è una piccola collisione, sufficiente ad eliminare entrambi ed a fare entrare la Safety Car per togliere la Honda Civic incidentata.

Il podio dell'assoluta di gara 1

Il podio dell’assoluta di gara 1

Quanto alla Leon di Thellung, si ferma in sicurezza in una via di fuga con la ruota anteriore destra aperta. Nel frattempo, si ritira per ragioni tecniche anche Luigi Ferrara, mattatore alla gara di apertura di Imola, con l’Alfa Romeo Giulietta della V-Action: un ritiro pesante ai fini della classifica di campionato. Dopo la neutralizzazione la corsa viene monopolizzata dal duello tra Baldan e Scalvini che, come già detto, terminano nell’ordine. Terzo è Salvatore Tavano con la Seat Leon ufficiale, davanti all’agguerrito terzetto delle Honda Civic TCR curate dalla Target Competition. La migliore è quella di Marco Pellegrini Anatrella, seguono l’austriaco Juergen Schmarl e Jose Rodrigues. Per il settimo posto la Hyundai i30 di Federico Paolino ha ragione della Seat Leon che Pit Lane schiera per Andrea Larini. Tra le DSG trionfo per la Pit Lane che porta al successo Giovanni Altoè ed Ermanno Dionisio al terzo posto. Tra di loro si piazza la Seat Leon di Gagliano. Chiudono la classifica gli austriaci Peter Gross e Guenther Benninger ed il turco Celik, penalizzato di venticinque secondi per la toccata con Nicoli.

Il podio della DSG di gara 1

Il podio della DSG di gara 1

Il giorno seguente tutte e diciannove le vetture sono regolarmente in griglia ma le condizioni meteo sono seriamente peggiorate, con un fortissimo rovescio di pioggia che investe il circuito del Paul Ricard. La direzione gara fa partire la corsa dietro la Safety Car sperando in una riduzione della pioggia. La situazione però non migliora e, con la visibilità ai minimi termini, si decide prudentemente dopo un paio di giri di processione di fermare tutto con la bandiera rossa. Un’ispezione della Direzione Gara stabilisce che non ci sono le condizioni per ripartire, la corsa non può essere posticipata al pomeriggio visto il programma particolarmente fitto e quindi la vittoria viene attribuita -con assegnazione di metà punteggio per tutti- ad Andrea Larini che vista l’inversione delle prime otto posizioni partiva dalla pole. Completano il “podio” Paolino e Rodrigues. Tra le DSG naturalmente si ripete il podio della prima manche con Altoè primo su Gagliano, Dionisio, Gross, Benninger e Thellung. La classifica del TCR Italy Touring Car Championship vede Ferrara ancora leader ma Tavano ed il coequipier Matteo Greco sono ora vicinissimi, staccati di appena tre punti e mezzo. Il “successo” di gara due consente ad Andrea Larini di salire terzo con un distacco di nove punti da Ferrara. Quarto, staccato di nove punti e mezzo, c’è Baldan. Il ritiro di gara uno nuoce a Bettera che ora è quinto in classifica. Tra le DSG la Pit Lane domina con Altoè primo e Dionisio secondo.

Condividilo con:


Articoli simili:

Trofeo Abarth: Spa dura per Lilja e Pajuranta Niklas Lilja vincitore di gara 1 nel Trofeo Abarth Selenia Europa a Spa (Photo4) Niklas Lilja e Juuso Pajuranta ancora a segno nel Trofeo Abarth Sel...
Carrera Cup: tris di Ledogar in Toscana Lo start della della Porsche Carrera Cup Italia al Mugello (Foto Alex Galli) Come Ledogar si rivela irraggiungibile nella tappa toscana della Porsch...
Clio Cup Italia: Misano per Di Luca e Iacone Lo start di Misano con Simone Di Luca e Cristian Ricciarini già in bagarre (Actualfoto) Simone Di Luca e Simone Iacone sono i vincitori del round di...
WRC, al Rally Monte-Carlo Ogier riporta Citroen al... Il WRC –Campionato Mondiale Rally– riparte come da tradizione dal Rally Monte-Carlo. Sulle strade del Sud della Francia c’è l’ennesimo successo di Se...