Porsche Carrera Cup Italia, Pera azzarda lo scatto verso il titolo

Redazione
Pubblicato il luglio 16, 2017, 8:30 pm
5mins

La Porsche Carrera Cup Italia si lancia verso la pausa estiva con due gare altamente spettacolari andate in scena all’Autodromo del Mugello. In prima manche si registra la vittoria del portacolori Ebimotors Riccardo Pera. Sulla pista di casa, il lucchese sconfigge a fatica la sorpresa di giornata, Francesca Linossi con la vettura curata da Dinamic. Pur avendo provato meno dei suoi avversari a causa di un rovescio di pioggia verificatosi durante le libere, la bresciana si dimostra avversaria agguerritissima per Pera. La neutralizzazione causata dall’insabbiamento di Jonathan Giacon a tre giri dalla fine priva il pubblico di un bel duello finale per la vittoria. La Linossi è comunque la prima donna a salire su un podio assoluto della Porsche Carrera Cup a livello mondiale.

Il podio di gara 1 con Linossi, Pera e Pellegrinelli

Il podio di gara 1 con Linossi, Pera e Pellegrinelli

Sono in molti a lottare per il terzo posto ed al terzo giro Gianmarco Quaresmini ed Enrico Fulgenzi si toccano insabbiandosi e provocando una prima fase di neutralizzazione. Al nuovo via sono Simone Pellegrinelli (Bonaldi), Alessio Rovera (Tsunami) e Daniele Cazzaniga (Ghinzani) a lottare per il bronzo. Pellegrinelli approfitta dei danni patiti da Rovera nella bagarre e riesce a tenerlo alle spalle fino alla seconda fase di Safety Car che chiude i giochi. Cazzaniga precipita poi in classifica a causa di una penalità di due minuti e al quinto posto sale il primo dei concorrenti della graduatoria Michelin, Alex De Giacomi, che capitalizza il ritiro di Ivan Jacoma occorso già nella tornata iniziale. E’ la seconda volta consecutiva che lo svizzero non riesce a terminare il primo giro. A completare il podio della classifica Michelin sono perciò Niccolò Mercatali e Stefano Zanini, sesto e settimo in classifica finale.

Dopo una sfortunata prima manche, gioisce Gianmarco Quaresmini con il secondo gradino del podio

Dopo una sfortunata prima manche, gioisce Gianmarco Quaresmini con il secondo gradino del podio

Questo grazie anche ai cinque secondi di penalità inflitti ad Hans Peter Koller che retrocede tredicesimo. Degne di nota anche le performance da Livio Selva (Ebimotors) e Lino Curti (Tsunami) rispettivamente ottavo e nono assoluto. A completare la top ten è Carlo Curti (Tsunami), davanti a Roberto Minetti e Walter Ben. In gara due si registra l’immediato ritiro di Fulgenzi a causa del cedimento della frizione, il confronto per la vittoria oppone Pera, Rovera e Quaresmini. Dopo sei giri si verifica una collisione tra la Linossi e De Giacomi. La prima riesce a ripartire attardata per poi tornare ai box e ritirarsi, il secondo rimane insabbiato in posizione pericolosa provocando una neutralizzazione. Al nuovo via Rovera tenta l’allungo ma Pera, partito dal sesto posto in griglia, si fa sempre più vicino. A pochi minuti dalla fine il lucchese mette a segno l’attacco vincente e si invola verso una meritata doppietta.

Alessio Rovera (Tsunami) beneficia della penalizzazione di Pera e si aggiudica gara 2

Alessio Rovera (Tsunami) beneficia della penalizzazione di Pera e si aggiudica gara 2

Il toscano però non può gioire a lungo, infatti gli viene inflitta una penalità per un sorpasso con le bandiere gialle nelle prime fasi di gara che lo porta alle spalle non solo di Rovera, ma anche dell’ottimo Quaresmini risalito con forza dalle retrovie. Quarto posto per Cazzaniga che sul filo di lana precede Pellegrinelli e Giacon. Netto riscatto per Ivan Jacoma dopo due “zero” di fila. E’ settimo assoluto e primo della graduatoria Michelin davanti a Mercatali e Zanini. Per il quarto posto di gruppo si danno da fare Koller e Lino Curti. Il lombardo -autore di una bella rimonta dopo la neutralizzazione- sembra in grado di precedere lo svizzero di Ghinzani, poi un errore a poche curve dalla fine lo relega quinto di gruppo ed undicesimo assoluto. Per contrasto Carlo Curti riesce nelle battute finali a sopravanzare Livio Selva ed a finire tredicesimo assoluto. Chiudono la classifica Minetti e Walter Ben, entrambi a pieni giri.

Il podio di gara 2 della Michelin Cup

Il podio di gara 2 della Michelin Cup

In classifica di campionato Pera si conferma leader con ventitre punti di vantaggio su Rovera. Nella graduatoria Michelin Jacoma torna in testa e anche Mercatali beneficia dello stop di De Giacomi passando secondo. Dopo la sosta estiva il prossimo round sarà ad Imola il 9 e 10 Settembre prossimi, ultima gara in “coabitazione” con il Campionato Italiano GT.

Condividilo con:


Articoli simili:

Gran Turismo: raffica di emozioni a Imola Mirko Venturi e Stefano Gai si aggiudicano la prima gara Gran Turismo a Imola Penultimo appuntamento del Campionato Italiano Gran Turismo in program...
Porsche Carrera Cup: ancora Cairoli e Giraudi Gianluca Giraudi domina gara 2 (Foto Paolo Monopoli) Matteo Cairoli e Gianluca Giraudi sono i vincitori delle due gare svoltesi a Vallelunga nell’...
Carrera Cup: tra Drudi e Ledogar si mette Rovera Ottimo Alessio Rovera si aggiudica una combattutissima gara endurance (Foto Alex Galli) Anche a Imola, nella Porsche Carrera Cup Italia, continua la...
Gran Turismo: GT Cup territorio Huracan Fernando Croce e Nicolas Costa conquistano la prima vittoria assoluta e di classe Super GT Cup stagionale Da questa stagione le classi Super GT Cup ...