MotoGP, straordinaria doppietta Ducati a Brno

Redazione
Pubblicato il agosto 05, 2018, 8:30 pm
7mins

Trionfo della Ducati nel Gran Premio della Repubblica Ceca di Brno che segna l’inizio della seconda parte della stagione MotoGP 2018. Andrea Dovizioso dopo un periodo negativo si rilancia e mette a segno una bella vittoria battendo un Jorge Lorenzo in netta ripresa dopo un inizio di stagione negativo. L’evento corso nella ex-Cecoslovacchia però gioca anche a favore di Marc Marquez che con il terzo posto allunga ancora in classifica di Campionato nei confronti di Valentino Rossi.

L'abbraccio festoso di Andrea Dovizioso con i tecnici Ducati dopo la vittoria (Foto Claudia Cavalleri)

L’abbraccio festoso di Andrea Dovizioso con i tecnici Ducati dopo la vittoria (Foto Claudia Cavalleri)

L’iberico della Honda ha ora un vantaggio di quarantanove punti sul pesarese e la strada verso il titolo 2018 sembra in discesa. Rossi, dal canto suo, tenta il tutto per tutto anche a Brno ma alla fine si deve accontentare della medaglia di rame, battendo in volata Cal Crutchlow. L’inglese continua ad alternare ottimi risultati a sconfitte brucianti con la Honda della squadra di Lucio Cecchinello, una discontinuità che lo ha allontanato dalla lotta per il titolo. L’evento in Repubblica Ceca mantiene alte le ambizioni del futuro ufficiale Ducati Danilo Petrucci che chiude ottimo sesto, davanti alla Yamaha Tech3 di Johann Zarco.

Il podio del Gran Premio Repubblica Ceca di MotoGP a Brno con le due Ducati a primeggiare su una pista ostica (Foto Claudia Cavalleri)

Il podio del Gran Premio Repubblica Ceca di MotoGP a Brno con le due Ducati a primeggiare su una pista ostica (Foto Claudia Cavalleri)

Dopo un periodo di appannamento successivo alla beffarda caduta nella casalinga corsa di Le Mans, il transalpino sembra avere recuperato una buona forma come dimostrano i riscontri ottenuti in qualifica. Segni di miglioramento vengono anche da Dani Pedrosa che continua il suo “lungo addio” alla MotoGP e saluta per sempre la pista di Brno con un discreto ottavo posto. Sconfigge soltanto in volata la Ducati che la Angel Nieto Team cura per Alvaro Bautista, quest’anno leggermente più reattivo rispetto alle scorse deludenti stagioni.

Proprio sul traguardo per pochi metri Valentino Rossi guadagna il quarto posto ai danni di Cal Crutchlow (Foto Claudia Cavalleri)

Proprio sul traguardo per pochi metri Valentino Rossi guadagna il quarto posto ai danni di Cal Crutchlow (Foto Claudia Cavalleri)

Grossa delusione per le Suzuki ufficiali del Team Ecstar con Andrea Iannone che completa la Top Ten dopo una gara priva di acuti, davanti al compagno di team Alex Rins. Delusione anche per Jack Miller, il compagno di team di Petrucci è solamente dodicesimo. Per l’australiano un passo indietro dopo alcune gare abbastanza positive. Decisamente buona per contrasto la gara di Franco Morbidelli con la Honda del team EG 0,0 Marc VDS. Ripresosi dall’infortunio il Campione del Mondo 2017 della Moto 2 conquista un buon tredicesimo posto, dimostrando che le lezioni di Valentino Rossi sono decisamente efficaci.

Ottima quinta piazza per Cal Crutchlow (Foto Claudia Cavalleri)

Ottima quinta piazza per Cal Crutchlow (Foto Claudia Cavalleri)

Continua a brillare anche Hafizh Syahrin con la seconda Yamaha della Tech3. Il malese quest’anno è entrato costantemente in zona punti dimostrando un buon livello di pilotaggio, per la seconda parte di stagione il sostituto di Jonas Folger potrebbe anche puntare a qualche incursione nella Top Ten. La zona punti la completa Aleix Espargaro con l’unica Aprilia al traguardo, dopo avere piegato nelle ultime battute di gara la resistenza di Thomas Luthi ormai prossimo al ritorno in Moto2 e del nipponico Takaaki Nakagami.

Buon tredicesimo posto per il nostro Franco Morbidelli (Foto Claudia Cavalleri)

Buon tredicesimo posto per il nostro Franco Morbidelli (Foto Claudia Cavalleri)

L’Aprilia portata in gara da Scott Redding termina la corsa con l’ennesima caduta, conferma di un 2018 estremamente negativo per il pilota inglese. Tra l’altro Aleix è l’unico degli Espargaro in gara a causa dell’infortunio del fratello Pol, che lascia solo una KTM in gara con al manubrio Bradley Smith. L’inglese però resta vittima di una collisione con Maverick Vinales ed il tedesco Stefan Bradl già nel primo giro, venendo costretto al rientro ai box ed al ritiro. Per la casa austriaca, che pensa in grande per il 2019, come dimostra l’ingaggio di Zarco, è il primo Gran Premio dopo oltre un anno chiuso senza ottenere nemmeno un punto.

Danilo Petrucci chiude al sesto posto. Qui lo vediamo alle prese con il suo futuro compagno di scuderia (Foto Claudia Cavalleri)

Danilo Petrucci chiude al sesto posto. Qui lo vediamo alle prese con il suo futuro compagno di scuderia (Foto Claudia Cavalleri)

Si spera che sulla pista di Zeltweg il prossimo weekend il risultato sia completamente diverso per le moto arancioni. Fuori combattimento anche Tito Rabat con la Ducati di Reale Avintia. Anche questo team esce a zero punti dal weekend di Brno visto il ventesimo ed ultimo posto del belga Xavier Simeon, una delle più grosse delusioni di questa stagione. Simeon non riesce nemmeno a tenere il passo del collaudatore Suzuki Sylvain Guintoli, ben lontano dai ritmi che in passato gli hanno permesso di essere uno dei migliori piloti della Superbike. Continua poi a deludere Karel Abraham, il ceco fallisce l’appuntamento con la zona punti anche sul tracciato di casa.

Andrea Iannone con la Suzuki completa la top ten dopo una gara priva di acuti (Foto Claudia Cavalleri)

Andrea Iannone con la Suzuki completa la top ten dopo una gara priva di acuti (Foto Claudia Cavalleri)

Una defaillance simile a quella patita dal connazionale Ondrej Jezek nell’ultima gara del Mondiale Superbike corsa a Brno e che non si può certo imputare alla Ducati curata dalla Angel Nieto Team, visto l’ottimo piazzamento del compagno di team Bautista. La prossima gara del Motomondiale sarà a Zeltweg il prossimo weekend. Per Rossi l’appuntamento austriaco ha il sapore dell’ultima spiaggia, ogni punto guadagnato da Marquez sarà una pietra tombale per le ambizioni del Dottore.

Condividilo con:


Articoli simili:

WSBK, a Laguna Seca botta e risposta Davies-Rea La WSBK torna in scena a Laguna Seca per il round americano della serie che inaugura il “girone di ritorno” della stagione 2017. Dopo la spettacolare ...
Moto GP: luci e ombre del Qatar Jorge Lorenzo, Andrea Dovizioso e Marc Marquez nell'ordine sotto la bandiera a scacchi Nella notte di Losail ha visto la luce l’edizione 2016 della ...
WSBK, a Misano vince Melandri dopo il patatrac Dav... Weekend dal sapore dolce-amaro per la Ducati al Misano World Circuit per la seconda ed ultima trasferta italiana della WSBK. La formazione bolognese e...
MotoGP, a Misano festa in Rosso con Dovizioso Dopo un lungo periodo negativo Andrea Dovizioso si riscatta e trionfa a Misano Adriatico in un weekend d’oro per la Ducati. Con questo successo il rom...