Kajetanowicz blinda lo Jänner Rallye

Redazione
Pubblicato il gennaio 06, 2015, 8:30 pm
3mins
Kaetan Kajetanowicz trionfa al Jänner Rallye (Photo4)

Kaetan Kajetanowicz trionfa al Jänner Rallye (Photo4)

Comincia dal successo di Kaetan Kajetanowicz, anzi dal vero trionfo al Jänner Rallye, la stagione 2015 dell’ERC. Il polacco navigato sulla Ford Fiesta R5 da Jarek Baran stravince la prima prova della serie, l’Internationale Jänner Rallye, vinta lo scorso anno da Jan Kopecky, conducendo le danze sin dal via e tagliando il traguardo davanti a tutti, con un vantaggio sul primo degli inseguitori di oltre 7’. Il pluricampione polacco s’impone in 17 delle 18 speciali affrontate sulle difficili ed innevate strade austriache, allungando progressivamente sugli avversari ed andando al riposo, al termine della prima tappa, dopo aver siglato l’en plein con 10 PS vinte su 10, con già quasi 4’ di vantaggio su Robert Consani e Maxime Vilmot. Il duo francese su Peugeot 207 S2000 capisce subito che il polacco è inarrestabile e senza correre eccessivi rischi, si piazza alle sue spalle sin dall’inizio della gara, aspettando magari un errore o un guasto del battistrada.

Robert Consani chiude secondo cogliendo il miglior risultato in carriera nell'ERC (Photo4)

Robert Consani chiude secondo cogliendo il miglior risultato in carriera nell’ERC (Photo4)

Non arrivano né l’uno né altro e Consani chiude secondo, cogliendo il miglior risultato in carriera nell’ERC. Una ventina di secondi invece è il vantaggio con cui Alexey Lukyanuk s’impone proprio nel finale su Jaromír Tarabus, strappandogli il terzo gradino del podio. Quasi un miracolo quello del ceco affiancato da Evgen Chervonenko sulla Ford Fiesta R5, costretto ad inseguire sin dal via per ricucire il gap causato da uno stop imprevisto (alcuni problemi di surriscaldamento al motore) sulla prima speciale. Il successo sull’ultima PS con il quale evita l’en plein di Kajetanowicz, gli consente di scavalcare Tarabus, al volante della Skoda Fabia S2000, nell’assoluta, costringendolo alla quarta piazza con un gap di 20”. Top five completata da Martin Fischeriehner con la sua Mitsubishi Lancer Evo IX, per la gioia del pubblico di casa. Non gioiscono affatto invece alcuni tra i più attesi protagonisti della stagione, Craig Breen e Stéphane Lefebvre. L’irlandese ci riprova con la Peugeot 208 T16 ma, come l’anno scorso, la buona sorte non sembra essere ancora dalla sua. A fermarlo un errore nella prima PS, in cui rimane bloccato nella neve. Il Campione ERC Junior in carica invece, al debutto con la Citroën DS3 R5, si arrende dopo il 17° impegno mentre è sesto assoluto. Proverà a rifarsi nel prossimo impegno di inizio febbraio in Lettonia.

Condividilo con:


Articoli simili:

WRC, al Rally del Portogallo Ogier torna il cannib... Sebastien Ogier e Julien Ingrassia conquistano il successo nel Rally del Portogallo e dimostrano di avere metabolizzato il passaggio alla Ford dopo an...
WRC, vittoria di Neuville al Rally Italia Sardegna Alla fine Thierry Neuville ha la meglio su Sebastien Ogier nell’estenuante duello per la supremazia al Rally Italia Sardegna 2018. Il belga, dopo aver...
Rally del Galles, Ogier campione nel giorno di Eva... Si chiudono con una gara di anticipo i giochi per il WRC. Con il terzo posto sui temibili sterrati del Rally del Galles, Sebastien Ogier e Julien Ingr...
Rally di Sanremo: il ritorno di Andreucci Gara costante quella di Andreucci al Rally di Sanremo (Photo4) Dopo lo sfortunato mezzo passo falso del Ciocco, Paolo Andreucci e Anna Andreussi t...