Historic Rally Vallate Aretine: Lucky and Pons a piene mani

Nico Patrizi
Pubblicato il marzo 11, 2017, 8:30 pm
6mins

Parte con il botto il Campionato Italiano Rally Storico sugli asfalti toscani dell’Historic Rally Vallate Aretine. La corsa toscana, che sfrutta anche alcuni dei tratti asfaltati resi celebri dal popolarissimo Rally del Casentino, registra il dominio completo di “LuckyBattistolli e di Fabrizia Pons. Con la Lancia Delta 4° Raggruppamento del Rally Club Team il leggendario protagonista del Campionato Italiano Rally ha fatto il vuoto vincendo tutte e otto le prove speciali in programma. Già nella prima PS, “Ornina”, Battistolli mette le cose in chiaro infliggendo tre secondi e sette decimi di distacco ad Alberto Salvini e Davide Tagliaferri con la Porsche 911 2° Raggruppamento.

Piazza d'onore per Alberto Salvini e Davide Tagliaferri con la Porsche 911 2° Raggruppamento.

Piazza d’onore per Alberto Salvini e Davide Tagliaferri con la Porsche 911 2° Raggruppamento.

Il vantaggio cresce enormemente già sulla speciale successiva, la prima ripetizione della celebre “Talla”, arrivando a diciannove secondi e otto decimi. Salvini cerca di limitare i danni ma il ritmo di “Lucky” è ineguagliabile. Basti pensare che il divario finale sul palco d’arrivo sarà di un minuto e cinquantuno secondi. Al terzo posto assoluto si piazza un’altra Lancia Delta, pilotata da Maurizio Rossi con Riccardo Imerito alle note. Rossi si porta terzo fin dalle prime battute di gara e non ha particolari problemi a tenere dietro il vincitore del 3° Raggruppamento, Luca Ambrosoli con la Porsche 911. Ad affiancare Ambrosoli nella sua rincorsa alla vittoria di gruppo ed al “rame” assoluto c’è Corrado Viviani.

Maurizio Rossi e Riccardo Imerito  con la Lancia Delta completano il podio dell’Historic Rally Vallate Aretine

Maurizio Rossi e Riccardo Imerito con la Lancia Delta completano il podio dell’Historic Rally Vallate Aretine

Un’altra vettura “icona” del rallysmo dei tempi d’oro termina al quinto posto, è la Toyota Celica St 165 di Nicola Patuzzo ed Alberto Martini che non riescono ad opporsi al ritmo di Ambrosoli e dei primissimi. Sesta posizione per il migliore degli equipaggi toscani, formato dal pisano Gianmarco Marcori e da Iacopo Innocenti con un’altra Porsche 911 SC. Marcori, già con una buona esperienza sugli sterrati, non sfigura affatto sulle curve della montagna aretina ed intasca il secondo posto del 3° Ragguppamento. Un altro forte equipaggio toscano, questa volta strettamente locale, termina al settimo posto. Si tratta del bibbienese Marco “Accio” Bertelli e di Barbara Neri che portano brillantemente al traguardo l’inossidabile Opel Ascona 400.

Luca Ambrosoli e Corrado Viviani con la Porsche 911 si piazzano ai piedi del podio

Luca Ambrosoli e Corrado Viviani con la Porsche 911 si piazzano ai piedi del podio

Per Bertelli anche la soddisfazione del terzo posto del 3° Raggruppamento. A seguire un’altra Celica St 165 con alla guida Sergio Mano e Matteo Barbero sul sedile di destra. L’equipaggio Meteco dimostra subito di avere un buon passo, nelle prossime tappe di campionato questa Celica potrebbe minacciare la supremazia delle Delta e di Patuzzo. L’onore Lancia viene rappresentato anche da una più vetusta e gloriosa Stratos HF. A pilotarla verso il nono posto finale e secondo del 2° Raggruppamento è Giorgio Costenaro con Sergio Marchi alle note. La top ten assoluta la completano Roberto Rimoldi ed Alberto Galli con la Porsche 911 SC.

Nicola Patuzzo ed Alberto Martini piazzano la Toyota Celica St 165 al quinto posto

Nicola Patuzzo ed Alberto Martini portano la Toyota Celica St 165 al quinto posto

Undicesima posizione per Maurizio Finati e Martina Codotto con la migliore delle numerose Fiat 124 Abarth Rally in gara. Per loro terzo posto nel 2° Raggruppamento precedendo nella classifica di Gruppo ed Assoluta la Ford Escort MkI di Rino Righi e Mauro Iacolutti. Un’altra Escort, ma in specifica MkII, termina quattordicesima assoluta con Enrico Volpato e Samuele Sordelli, autori di un ottimo avvio e poi penalizzati da una foratura. Vittoria nel 1° Raggruppamento per il migliore dei siciliano, Marco Savioli con le note lette da Alessandro Failla su una immortale Bmw 2002 Ti.

Nono posto finale e secondo del 2° Raggruppamento per Giorgio Costenaro e Sergio Marchi

Nono posto finale e secondo del 2° Raggruppamento per Giorgio Costenaro e Sergio Marchi

Sconfitta la Porsche 911 S di Marco Dell’Acqua ed Emanuele Paganoni. A Maurizio Cochis e Milva Manganone la vittoria tra le A112 Abarth Trofeo nonostante la resistenza del secondo Luigi Battistel e degli idoli locali Orazio ed Ivo Droandi e del “decano” Francesco Mearini. Le speciali aretine si confermano molto selettive al pari di quelle della Ronde Valtiberina di appena sette giorni fa e dei sessantacinque equipaggi partiti sono in quarantanove a raggiungere il parco d’arrivo ad Arezzo. Tra i ritirati spicca la Porsche 911 dell’equipaggio pievano formato da Ennio Bragagni Capacini e da Alessandro Pigolotti. A chiudere la classifica la Fiat 500 verde pistacchio di Giuseppe Cecconi, che non demorde ed arriva vicinissimo alla Fiat X1/9 di Marcello Basagni.

Completano la top ten assoluta Roberto Rimoldi ed Alberto Galli con la Porsche 911 SC

Completano la top ten assoluta Roberto Rimoldi ed Alberto Galli con la Porsche 911 SC

Condividilo con:


Lascia un commento

  • (non verrà pubblicata)