Ferrari SP3JC, l’espressione della guida a cielo aperto

Redazione
Pubblicato il novembre 28, 2018, 8:30 pm
42secs

Ideata del Centro Stile Ferrari su commissione di un cliente collezionista, nasce un’opera unica, la Ferrari SP3JC. Il telaio e la meccanica sono quelli della F12tdf da 780 CV e il risultato è una roadster senza compromessi che richiama alla memoria le spider degli anni 50-60, dove l’essenzialità andava a braccetto con il concetto di libertà e l’ascolto della musica offerta dal potente 12 cilindri del Cavallino Rampante.

L’inedita Ferrari SP3JC, frutto di due anni di impegnativa collaborazione con il cliente, si caratterizza per l’aspetto muscolare, la dinamicità espressa delle fiancate, l’inedita presa d’aria anteriore e il volume posteriore con tre feritoie orizzontali. Altri particolari come l’ala trasversale che unisce le due pinne dietro i roll hoop in fibra di carbonio, il tappo del serbatoio in alluminio spazzolato, le aperture sul cofano che offrono una vista esclusiva del V12 e i sedili rivestiti in pelle blu con un inserto bianco sono ulteriori dettagli che impreziosiscono la Ferrari SP3JC.

Infine un accenno alla livrea, un mix di Bianco Italia, Azzurro Met e Giallo Modena che richiamano alla Pop Art, un’ulteriore finezza che rende la Ferrari SP3JC una delle massime espressioni della guida a cielo aperto.

Condividilo con:


Articoli simili:

Alfa Romeo Giulia Quadrifoglio, la fabbrica delle ... “Tu chiamale se vuoi, emozioni”. Poche parole di un ritornello bastano ad identificare e rendere famosa una canzone, facendola diventare una pietra mi...
LaFerrari in versione scoperta: lusso per pochi Tutte vendute, mettetevi pure il cuore in pace. Una volta messo in chiaro questo punto possiamo parlare della versione scoperta de LaFerrari. La nuova...
Ferrari 488 Pista, esaltazione del racing Il prossimo Salone dell’Automobile di Ginevra vedrà la presentazione della nuova Ferrari 488 Pista, un modello che prosegue la fortunata tradizione di...

Lascia un commento

  • (non verrà pubblicata)