Doppietta Ferrari al Red Bull Ring nel GT Open

Redazione
Pubblicato il luglio 05, 2015, 8:30 pm
3mins
Raffaele Giammaria ed Ezequiel Perez-Companc (Foto Speedy)

Raffaele Giammaria ed Ezequiel Perez-Companc (Foto Speedy)

Doppietta Ferrari e doppietta AF Corse nel round austriaco dell’ International GT Open. La squadra piacentina monopolizza il gradino più alto del podio al Red Bull Ring con Michele Rugolo e Pasin Lathouras, vittoriosi in gara 1, e Raffaele Giammaria ed Ezequiel Perez-Companc, che invece s’impongono in gara 2 cogliendo la loro terza vittoria della stagione. Nella manche del sabato Rugolo ha un ottimo avvio dalla seconda piazzola in griglia, favorito anche dalla partenza dal fondo dello schieramento dei polemen Ramos/Parente, penalizzati per un’irregolarità riscontrata alla pressione del turbo della McLaren 650S al termine delle qualifiche. Rugolo mantiene il comando per tutto il suo stint e cede poi il volante della 458 Italia al coequiper Lathouras che si trova tuttavia a dover scontare un handicap tempo più alto rispetto agli avversari. In pista al rientro di tutte le vetture al comando si porta allora la Lamborghini Gallardo della AERT che Alvaro Barba lascia ad Anton Nebylitsky. Il russo subisce tuttavia il ritorno di Lathouras che, a pochi giri dalla conclusione lo supera andandolo poi a precedere all’arrivo di circa 5”. Terzo posto per Nicola Benucci ed Alessandro Balzan che sulla 458 Italia della Villorba Corse la spuntano dopo un bel duello sulla vettura analoga ma schierata dall’AF Corse con Raffaele Giammaria ed Ezequiel Perez-Companc alla guida.

Il podio di gara 1 (Foto Speedy)

Il podio di gara 1 (Foto Speedy)

Diversi gli avvicendamenti al comando in gara 2, vinta come detto proprio da Giammaria e Perez-Companc. Al via è Benucci a guidare il gruppo davanti a Giammaria e Parente sulla McLaren 650S il quale, dopo uno start da dimenticare dalla pole, si riprende la seconda piazza e si mette all’inseguimento di Benucci. Sono, come spesso accade, le soste obbligatorie a decidere le sorti della gara. La 458 del Villorba al momento di passare nelle mani di Balzan, stenta a ripartire per un problema alla batteria e scivola ultima. A condurre le danze è Perez-Companc che nel suo stint mette tra sé e Ramos, subentrato a Parente, un discreto margine di sicurezza, precedendolo poi all’arrivo di circa 10”. Più attardato il terzo classificato, l’equipaggio dell’AF Corse composto da Matt Griffin e Duncan Cameron, che regolano i compagni di team Lathouras-Rugolo, e Giorgio Roda. Nella GT-AM entrambi i successi sono appannaggio di un altro duo dell’AF Corse, Claudio Sdanewitsch-Ilya Melnikov.

15.07.05_PI_GT Open_Red Bull Ring_Sdanewitsch_Melnikov_Am

Il duo dell’AF Corse: Claudio Sdanewitsch e Ilya Melnikov (Foto Speedy)

Condividilo con:


Articoli simili:

Gulf 12 Hours, Kessel Racing brilla ad Abu Dhabi La stagione 2016 delle gare Endurance si chiude con l’ormai tradizionale evento di Yas Marina, la Gulf 12 Hours. Anche quest’anno la corsa, divisa in ...
24 Ore di Spa: il ritorno di BMW Nicky Catsburg, Markus Paltalla e Lucas Luhr vincitori alla 24 Ore di Spa (Photo4) Nicky Catsburg, Markus Paltalla e Lucas Luhr riportano al success...
Italiano GT, al Mugello esordio Bentley con vittor... Prima della pausa estiva, sono sedici le vetture che prendono il via sotto il sole del Mugello nel round che rappresenta il giro di boa del Campionato...
Super GT Cup: trionfo di Nicolas Costa Meritata vittoria di Nicolas Costa in Super GT Cup La Super GT Cup conclude il suo cammino al Mugello abbinata come sempre alla GT Cup, alla Cayman ...