CIVM: al Trofeo Luigi Fagioli, Scola trionfa ancora

Nico Patrizi
Pubblicato il agosto 20, 2017, 8:30 pm
8mins

Il Campionato Italiano Velocità Montagna 2017 si accinge a finire nelle mani di Domenico Scola. Alla 52ma edizione del Trofeo Luigi Fagioli, il giovane calabrese al volante della Osella FA 30 Zytek non ha rivali e rifila quasi due secondi di distacco all’identica vettura di Domenico Cubeda, fresco di vittoria alla Svolte di Popoli. Un successo meritato, ma maturato anche stavolta in assenza di Simone Faggioli e Christian Merli impegnati alla concomitante cronoscalata svizzera di Saint Ursanne-Les Rangiers. Per il secondo anno di fila gli appassionati umbri vengono privati di un grande spettacolo. La terza posizione arride alla Norma M20 FC Zytek di Omar Magliona, che non ha particolari problemi nel battere la Lola Evo D di Denny Zardo, migliore delle vetture monoposto.

Terza posizione per Omar Magliona con la Norma M20 FC Zytek (Foto Claudio Ricciotti)

Terza posizione per Omar Magliona con la Norma M20 FC Zytek (Foto Claudio Ricciotti)

Quinto posto per Piero Nappi con la Osella FA 30 Zytek davanti alla Osella Pa 2000 di Francesco Conticelli. Tra le CN si registra la vittoria di Luca Ligato che con la Osella Pa21 Evo sconfigge Achille Lombardi dopo che il lucano sulla Osella Pa21 S Evo aveva conseguito il migliore tempo in Gara 1. Terzo Cosimo Rea con la Ligier Js51 davanti a Gianni Urbani con la Osella Pa21S. Dopo tante sfortune l’eugubino riesce finalmente ad essere il migliore della nutrita schiera dei piloti “di casa”. Migliore vettura a ruote coperte è la Fiat X1/9 di Manuel Dondi che vince la E2 Silhouette ed è diciassettesimo assoluto battendo perfino la Bmw Z4 di Marco Iacoangeli, diciannovesimo. In E1 Italia svetta Marco Sbrollini che con la Lancia Delta Integrale Evo segna il venticinquesimo tempo.

La Fiat X1/9 di Manuel Dondi vince la E2 Silhouette (Foto Claudio Ricciotti)

La Fiat X1/9 di Manuel Dondi vince la E2 Silhouette (Foto Claudio Ricciotti)

Degno di nota però il secondo posto di gruppo di Emiliano Perucca Orfei che per l’occasione scende in pista sulla Peugeot 308 Racing Cup vista solitamente nel TCR Italia con Massimo Arduini alla guida. Terzo posto per il pergolese Ferdinando Cimarelli con l’Alfa Romeo 156 davanti alla Renault Clio di Daniele Pelorosso. In E1 1600 vittoria per Giuseppe Aragona con la Peugeot 106 davanti all’identica vettura di Silvano Stipani. Le GT in gara sono solo tre, fatte partire eccezionalmente prima delle E1, e vince Roberto Ragazzi con la Ferrari 458 Evo davanti alla Lamborghini Huracan di Bruno Jarach ed alla Lotus Exige di Silvio Passerini. Gruppo A nelle mani di Rudi Bicciato con la Mitsubishi Lancer davanti alla Renault Clio di Salvo D’Amico ed alla Honda Civic Type-R del friulano Paolo Parlato.

Marco Sbrollini con la Lancia Delta Integrale Evo segna il venticinquesimo tempo e vince la E1 Italia (Foto Claudio Ricciotti)

Marco Sbrollini con la Lancia Delta Integrale Evo segna il venticinquesimo tempo e vince la E1 Italia (Foto Claudio Ricciotti)

Quarto posto per l’orvietano Leonardo Spaccino che dopo tante sfortune porta in fondo alla salita eugubina la bella Subaru Impreza. Quinto e vincente in A1600 Alfredo Scarafoni con la Citroen Saxo dopo la squalifica di Angelo Maria Guzzetta con la Peugeot 106. Mitsubishi Lancer protagoniste anche nel gruppo N con il successo di Lorenzo Mercati sulla Evo curata da Bianchi, davanti al sorprendente Vincenzo Ottaviani con la Citroen Saxo Vts primo in N1600. Terzo Cristiano Rossi con la Subaru Impreza. In N2000 vittoria per Adriano Pilotto con la Honda Civic Type-R davanti alla Renault Clio Williams di Roberto Balletti ed alla Opel Astra Gsi di Giuseppe Paci, sfortuna per Ludovico Manni fermo per guasto meccanico con la Renault Clio Williams prima dell’ultimo tornante.

L’ex campione mondiale GP2 Davide Valsecchi è terzo tra le Racing Start Plus (Foto Claudio Ricciotti)

L’ex campione mondiale GP2 Davide Valsecchi è terzo tra le Racing Start Plus (Foto Claudio Ricciotti)

Anche Rocco Errichetti si ferma all’ultimo tornante con la Peugeot 106 per cedimento al semiasse, poi riesce a disputare la seconda manche e completarla. Dominio Mini Cooper S tra le Racing Start Plus ma insolito il vincitore, il rallista lombardo Ilario Bondioni. Secondo Francesco Savoia alle prese con noie al motore mentre terzo è Davide Valsecchi. Premiato il venerdì precedente la gara, l’ex-campione mondiale GP2 e presentatore tv stupisce per il rapido adattamento alla Mini battendo gli abituali frequentatori del CIVM Andrea Palazzo e Rachele Somaschini, mai ferma una domenica. In Racing Start, affollatissima con ben quarantuno verificati, spicca il successo di Antonio Scappa davanti a Giacomo Liuzzi e Pasquale Santoro.

Emiliano Perucca Orfei fa esordire nel CIVM la Peugeot 308 Racing Cup (Foto Claudio Ricciotti)

Emiliano Perucca Orfei fa esordire nel CIVM la Peugeot 308 Racing Cup (Foto Claudio Ricciotti)

Bravo anche Luca Giovannoni quarto in un dominio delle Mini Cooper S. La prima vettura non-Mini è la Honda Civic Type-R di Angelo Loconte quinto davanti alla Honda Civic Ek4 di Marco Cappello. Tra le RS 1400 vittoria e titolo per la Polo di Arduino Eusebio davanti alla Peugeot 106 di Mattia Fasciano. In Produzione Evo vittoria per Nicola Cola con la Ford Sierra Cosworth davanti alla Subaru Impreza di Fabio Massimi ed alla Fiat Ritmo di Livio Cippicciani. Sfortuna per Pietro Chiarelli che, una volta ultimata la gara con la Honda Civic V-Tec, subisce un infortunio con ricovero al pronto soccorso.

Secondo tra le Racing Start Plus Francesco Savoia con la Mini Cooper S (Foto Claudio Ricciotti)

Secondo tra le Racing Start Plus Francesco Savoia con la Mini Cooper S (Foto Claudio Ricciotti)

Tra le Autostoriche vittorie per Giuliano Peroni su Martini Mk32 nel 5.Raggruppamento, Uberto Bonucci nel 4.Raggruppamento con la Osella Pa9/90, Gennaro Ventriglia su Fiat X1/9 nel 3.Raggruppamento, Piergiovanni Volpinari su Lotus Europa nel 2.Raggruppamento e Mario Sala su Porsche 906 nel 1.Raggruppamento. La competizione viene caratterizzata da buone condizioni meteo. La temuta pioggia prevista per Domenica mattina non appare: arriva solo un po’di vento che, pur mitigando le temperature, finisce per spazzare via rapidamente le nuvole ed assicura un buon afflusso di pubblico e due manche sostanzialmente regolari.

Rudi Bicciato con la Mitsubishi Lancer vince nel Gruppo A (Foto Claudio Ricciotti)

Rudi Bicciato con la Mitsubishi Lancer vince nel Gruppo A (Foto Claudio Ricciotti)

Condividilo con:


Articoli simili:

CIVM: bis di Merli alla Coppa Nissena Christian Merli conquista la vittoria anche nel secondo impegno del CIVM Christian Merli piazza la doppietta nel CIVM replicando, in occasione del...
I campioni della Velocità Montagna al Motorcircus I campioni della Velocità Montagna in passerella al Motorcircus (Photo4) Spazio anche ai campioni della Velocità Montagna 2014 al Motorcircus di Ver...
Mini Challenge, a Misano tra i crash spuntano Rang... Il Mini Challenge fa tappa a Misano Adriatico per il secondo evento stagionale con due gare estremamente combattute e spettacolari. La prima manche re...
CIVM: Sarnano-Sassotetto ottima per Faggioli Simone Faggioli si aggiudica la Sarnano-Sassotetto, Trofeo Lodovico Sarfiotti (Foto Claudio Ricciotti) Simone Faggioli conquista l’ennesima vittor...