BMW Serie 6 Gran Turismo, si fa subito in cinque

Redazione
Pubblicato il dicembre 15, 2017, 8:30 pm
10mins

C’è chi non si culla mai sugli allori, ed ecco arrivare sui mercati europei la nuova BMW Serie 6 Gran Turismo. La Casa Bavarese resta fedele alle denominazioni “numeriche” della propria gamma. Cinque i modelli previsti nel listino, a cominciare dalla 630i Gran Turismo con motore a benzina di quattro cilindri e cambio Steptronic ad otto rapporti. Si passa poi alle 640i Gran Turismo in versione “classica” e con xDrive, con motore sei cilindri in linea a benzina e cambio Steptronic ad otto rapporti, per finire con le 630d Gran Turismo ed xDrive Gran Turismo con motori a quattro cilindri. Anche questi due modelli vantano il cambio Steptronic ad otto rapporti. Si tratta di vetture con capacità tecniche davvero lusinghiere. La più potente è senz’altro la 640i con ben 340 CV ed una accelerazione da 0 a 100 km/h di soli 5,4 secondi; non meno ragguardevoli i livelli della 630d che con 265 CV produce una accelerazione da 0 a 100 chilometri orari in soli 6 secondi, la 630i Gran Turismo dispone di 258 CV ed accelera da 0 a 100 km/h in 6,3 secondi.

Gli interni della BMW Serie 6 Gran Turismo sono come sempre molto curati con rivestimenti in pelle Dakota in varie tinte

Gli interni della BMW Serie 6 Gran Turismo sono come sempre molto curati con rivestimenti in pelle Dakota in varie tinte

Le motorizzazioni a benzina dispongono di turbocompressore TwinScroll con Iniezione diretta di benzina High Precision Injection, fasatura Valvetronic e regolazione variabile degli alberi a camme. Il motore diesel sei cilindri in linea da 265 CV è disponibile combinato con la trazione integrale ed offre sovralimentazione turbo con iniezione diretta Common Rail ad iniettori piezoelettrici per un dosaggio preciso del carburante. Grande cura è stata riservata al design con una lunghezza esterna aumentata di ottantasette millimetri rispetto alla gamma precedente mantenendo invariata la larghezza. L’altezza è stata ridotta di ventuno millimetri, senza intaccare l’abitabilità della vettura. Il passo è di 3070 millimetri, una misura ragguardevole per il segmento. Il cofano anteriore è stato allungato ed i fari sono posti a brevissima distanza dal “doppio rene” tipico delle vetture BMW. I proiettori, a LED, sono sia per abbaglianti ed anabbaglianti che per le luci diurne, il fascio luminoso è a direzione variabile e sono presenti anche l’Adaptive Light Control con Cornering Light per una visuale dettagliata in ogni lato della strada, ed i fari abbaglianti BMW Selective Beam che arrivano ad illuminare fino a cinquecento metri.

La plancia portastrumenti può, a richiesta, essere ricoperta in Sensatec in due colori differenti

La plancia portastrumenti può, a richiesta, essere ricoperta in Sensatec in due colori differenti

Anche i fari posteriori sono a LED, con la classica forma a L, ed hanno una lavorazione tridimensionale con coperchio in vetro per emettere una luce piacevole. I fari posteriori sono perfettamente integrati in un posteriore caratterizzato da spigoli vivi, linee orizzontali e superfici curve. La silhouette più bassa agevola le facoltà aerodinamiche della nuova Serie 6. La regolazione attiva delle prese d’aria frontale, le prese d’aria laterali, l’Air Curtain inferiore e lo spoiler posteriore attivo che entra in funzione oltre i 120 km/h contribuiscono ad eliminare i vortici d’aria ed a ridurre il coefficiente di resistenza aerodinamica fino a 0,25. Da notare l’assetto ad ammortizzazione pneumatica con asse anteriore a doppio snodo e bracci trasversali sovrapposti ed assale posteriore a cinque bracci. Sul primo la guida della ruota non è collegata all’ammortizzazione e quindi con una maggiore accelerazione non si verificano cali di comfort di guida; il posteriore consente una traiettoria di guida sempre perfetta.

Anche i fari posteriori sono a LED, con la classica forma a L, ed hanno una lavorazione tridimensionale

Anche i fari posteriori sono a LED, con la classica forma a L, ed hanno una lavorazione tridimensionale

L’assetto può essere modificato semplicemente con la pressione di un pulsante: sulle pendenze l’altezza da terra può essere aumentata di 20 millimetri, oltre i trentacinque km/h si ripristina la configurazione standard. Oltre i centoventi km/h si attiva la modalità Sport con la pressione del tasto Driving Experience Control. L’Executive Drive comprende il Dynamic Damping Control e l’ammortizzazione pneumatica di entrambi gli assi oltre alla stabilizzazione antirollio a motori elettrici girevoli. Lo sterzo è elettromeccanico con Servotronic di serie e si attiva in base alla velocità consentendo una guida dinamica in curva molto precisa e manovre di parcheggio molto confortevoli. L’Integral Active Steering è ora ad attivazione elettromeccanica. Le colorazioni per la nuova Serie 6 GT saranno dodici: due saranno tinte pastello, la tonalità storica della BMW, e dieci saranno le più attuali tinte metallizzate. I cerchi in lega da 17 pollici di serie saranno integrati da una serie di ruote fino a 21 pollici.

Il passo è di 3070 millimetri, una misura ragguardevole per il segmento.

Il passo è di 3070 millimetri, una misura ragguardevole per il segmento.

Gli interni sono come sempre molto curati con rivestimenti in pelle Dakota in varie tinte, mentre la plancia portastrumenti può, a richiesta, essere ricoperta in Sensatec in due colori differenti. Gli arredi interni sono sistemati al fine di esaltarne la spaziosità e la eleganza. La posizione di guida sarà leggermente rialzata per assicurare una maggiore visibilità al guidatore. Il sistema di comando iDrive viene attivato da un flatscreen Control Display. Il volante, in pelle, dispone di comandi per l’infotainment, la comunicazione, la regolazione di velocità e, in presenza dello Steptronic, anche per la selezione delle marce. I sedili posteriori sono tre, molto spaziosi su tutti i livelli e con punti di fissaggio per i seggiolini nei posti esterni. Per i posti anteriori sono disponibili anche sedili sportivi e comfort, su richiesta aerabili. Quelli posteriori possono essere su richiesta a regolazione elettrica. Le vaschette portaoggetti ed il vano posteriore assicurano la massima capacità, nelle prime possono essere sistemate anche bottiglie da un litro, nel secondo spicca il volume di 610 litri, 110 in più rispetto alla precedente Serie 6.

Il cofano anteriore è stato allungato ed i fari sono posti a brevissima distanza dal “doppio rene” tipico delle vetture BMW.

Il cofano anteriore è stato allungato ed i fari sono posti a brevissima distanza dal “doppio rene” tipico delle vetture BMW.

Efficiente come sempre l’impianto di climatizzazione mentre l’audio si avvale di un amplificatore Bowers & Wilkins Diamant Surround Sound System, con dieci canali, sedici altoparlanti, equalizzatore dinamico ed una potenza di 1400 W. Il sistema iDrive con Touch Controller e Control Display da 10,25 pollici è il miglior supporto per l’infotainment. Il BMW Gesture Control permette di accedere a numerose funzioni con il semplice movimento di un dito o di una mano, e l’Head Up Display permette di proiettare sul parabrezza le informazioni richieste dal guidatore. Disponibili tutte le funzioni di guida assistita, con l’Active Cruise Control, lo Speed Limit Info, il Lane Departure Warning ed il Lane Change Warning che prevengono pericolosi salti di carreggiata, ed il Park Distance Control per evitare collisioni in fase di parcheggio. Il Park Assistant coadiuva il guidatore nella corretta effettuazione delle manovre di sosta. Il guidatore può attivarla anche dall’esterno della sua vettura con la BMW Display Key che regola anche l’accensione e lo spegnimento del motore.

La più potente è senz’altro la 640i con ben 340 CV ed una accelerazione da 0 a 100 km/h di soli 5,4 secondi;

La più potente è senz’altro la 640i con ben 340 CV ed una accelerazione da 0 a 100 km/h di soli 5,4 secondi;

Il sistema BMW Connected si collega alla piattaforma Open Mobility Cloud collegabile con l’Apple iPhone, l’Apple Watch e una vasta gamma di smartphone e smartwatches connessi ad Android. Il sistema rileva e processa ogni informazione sull’itinerario “dal vivo” durante la marcia. Il servizio Teleservice permette di ricorrere all’assistenza più qualificata in caso di incidenti anche di piccola portata, richiedibile con il display iDrive. Inoltre, il sistema rileva in tempo reale pericoli improvvisi quali ghiaccio in strada, incidenti, code anche attraverso collegamento car-to-car con altre vetture BMW in viaggio nel tratto di strada percorso dal guidatore. Il sistema On-Street Parking Information permette di individuare rapidamente il parcheggio più comodo. Inoltre ora è utilizzabile il sistema Microsoft Exchange per poter ricevere direttamente alla guida le proprie e-mail. Nel sistema di comando è presente anche l’innovativo Apple Car Play.

Condividilo con:


Articoli simili:

BMW Serie 5 Touring, sfoderata la nuova idea di ve... Esordio in Europa per la nuova versione della BMW Serie 5 Touring che presenta nuovi sistemi di assistenza e di connettività digitale già in parte int...
Nuova BMW X2, svelata la X che mancava La gamma X si rinnova con l’introduzione della nuova BMW X2. E’ un riuscito tentativo da parte della casa bavarese di combinare le caratteristiche del...
Nuova BMW Serie 4, ritocchi con savoir-faire Arriverà sul mercato a marzo la BMW Serie 4 con il restyling 2017. Pochi i ritocchi estetici ad una vettura che ha debuttato quattro anni fa e che ha ...